IBM sta portando a compimento il progetto blockchain per il tracking alimentare e lo fa prendendo come partner il gigante europeo della GDO, CarrefourL’annuncio fatto oggi, 8 ottobre, prevede il lancio della piattaforma IBM Food Trust di cui tutti gli operatori, di qualsiasi dimensione, possono avvalersi per tracciare i propri prodotti, pagando ovviamente delle fee che sono stabilite a seconda della dimensione del soggetto coinvolto.

Read this article in the English version here.

La partecipazione di Carrefour rende più attrattiva la sottoscrizione del servizio, perché permette al produttore di tracciare i propri prodotti all’interno della catena distributiva del gigante della GDO a qualsiasi livello.

La società francese ha 12mila negozi in 33 nazioni, ma per ora offrirà il servizio esclusivamente in Francia Spagna e Brasile e si allargherà in altri Paesi dopo il 2022.

Emmanuel Delerm, direttore del programma blockchain della catena di distribuzione, ha affermato: “Per noi è un questione legata ai consumatori. Proprio questo ci spinge a diffonderla ai fornitori, produttori e partner. Saranno attratti dalla piattaforma? Si tratta di un prodotto consumer oriented, e noi lo stiamo facendo veramente per loro”.

La piattaforma è stata testata prima con alcuni prodotti campione quali uova , pollame e pomodori, i primi due strategici in quanto portatori di possibili gravi infezioni alimentari.

Food Trust è un prodotto basato sulla blockchain Hyperledger, del cui comitato di sviluppo fa parte ufficialmente IBM. Ma non è la sola iniziativa di questo genere nata su questa blockchain: ad esempio Sawtooth, donato a hyperledger da Intel è in corso di sperimentazione da parte del colosso alimentare Cargill con codici prodotto.

Attualmente però Food Trust appare come la soluzione più avanzata a cui hanno aderito anche Nestle, Dole Foods, Tyson Foods, le cooperative Topco e Wakefern, mentre il colosso americano Walmart ha dato un termine ai suoi fornitori di verdura a foglie larghe affinché adottino la blockchain entro breve termine per impedire pericolose infezioni come la salmonellosi.