A.A.A. volatilità crypto cercasi
A.A.A. volatilità crypto cercasi
Trading

A.A.A. volatilità crypto cercasi

By Federico Izzi - 8 Ott 2018

Chevron down

A distanza di 7 giorni, si comincia questa nuova settimana dai livelli di lunedì scorso: dove è finita la volatilità crypto di una volta?

Read this article in the English version here.

Solo Ripple (XRP) e Tron (TRX) si differenziano dalle altre principali altcoin per escursioni a doppia cifra. Rispetto ai livelli di lunedì scorso, Ripple perde infatti il supporto dei $0,50 scivolando oltre l’11%, mentre Tron (TRX) scala sopra area $0,0266, recuperando oltre il 22%.

Anche se la giornata si muove nella generale apatia, sentimento già presente da diversi giorni, prevalgono i segni verdi.

Tra le prime 100 elencate da Coinmarketcap, solo il 10% si muove sotto la parità e sono solamente 3, semi-sconosciute a molti, quelle con scostamenti oltre il 3%: DigixDAO (DGD), Electroneum (ETN) e ReddCoin (RDD).    

Nella giornata di sabato i volumi scambiati su bitcoin hanno toccato il punto più basso dall’ottobre 2016: questa è una condizione che si sposa a pennello con la volatilità crypto che continua a scendere, toccando il punto più basso degli ultimi 16 mesi.

Dal grafico sottostante è possibile notare come la volatilità, nel corso degli ultimi mesi, sia passata da una media giornaliera sopra il 5% all’1,71%. Un crollo di diversi punti percentuali che abbatte il luogo comune che accompagna da sempre le criptovalute: l’elevata volatilità.

La statistica indica che periodi di bassa volatilità sul bitcoin hanno avuto durata di 1-2 settimane, improvvisamente poi scosse dall’esplosione dei prezzi.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Nonostante i bassi volumi, i prezzi della regina della crypto tenta l’attacco della trendline ribassista che unisce i massimi relativi degli ultimi mesi: si tratta di una trendline che passa in area 6700 dollari. La rottura al rialzo di questo livello potrebbe dare una scossa ai ridotti scambi presenti anche in queste prime ore della nuova settimana.

Il trend di breve periodo rimane rialzista, però occorrono le conferme sopra 6700-6800 dollari. Un ritorno sotto i 6500 dollari non deve essere accompagnato da ulteriori allunghi sotto i 6200, altrimenti aumentano le probabilità di nuovi ribassi.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Come BTC, anche i prezzi di ETH tornano a testare la resistenza dei 230 dollari. E’ necessario un allungo sino area 250 dollari, altrimenti si continuerà ad oscillare nel limbo che da fine settembre costringe i prezzi in un canale laterale senza direzione.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.