Sanità e blockchain, un settore da 200 milioni di dollari
Sanità e blockchain, un settore da 200 milioni di dollari
Blockchain

Sanità e blockchain, un settore da 200 milioni di dollari

By Amelia Tomasicchio - 10 Ott 2018

Chevron down

Secondo un recente rapporto del consorzio R3, gli investimenti nella tecnologia blockchain nel settore sanitario stanno crescendo rapidamente, raggiungendo i 200 milioni di dollari.

Read this article in the English version here.

Diversi casi d’uso della blockchain sono già implementati nell’industria farmaceutica: ad esempio, la possibilità di combattere la contraffazione dei farmaci.

L’utilizzo della blockchain nel settore sanitario sta superando la fase iniziale e presenta sempre più opportunità grazie alla possibilità di seguire i pazienti, condividere informazioni sulla salute della popolazione, ecc…

In questo scenario, c’è anche una nuova startup, Prescrypt, un progetto proof-of-concept sviluppato da Deloitte Netherlands con SNS Bank e Radboud3 che offre ai pazienti la possibilità di essere in possesso della propria cartella clinica.

Un progetto simile è Medicalchain che pochi mesi fa ha raccolto più di 20 milioni di dollari grazie ad una ICO. Medicalchain utilizza la tecnologia IBM Hyperledger per tenere traccia delle cartelle cliniche e per consentire alle persone un’assistenza medica 24/7 attraverso l’applicazione MyClinic.com.

Come combattere la contraffazione con la blockchain

Un altro caso d’uso per la blockchain nel settore sanitario è la lotta contro la contraffazione dei farmaci.

Ad esempio, Novartis AG, una delle più importanti aziende svizzere, nel 2016 ha iniziato a sviluppare un sistema Proof-of-Concept basato sulla blockchain.

L’obiettivo è quello di identificare i farmaci contraffatti e monitorare le temperature, con visibilità in tempo reale per tutti gli attori della catena di approvvigionamento, utilizzando la blockchain e l’internet degli oggetti.

Questa idea è nata grazie a Daniel Fritz, architetto IT della catena logistica di Novartis, e Marco Cuomo, direttore dell’innovazione tecnologica applicata di Novartis. Entrambi stanno anche lavorando ad un programma chiamato IMI Blockchain Enabled Healthcare per creare una partnership tra aziende private e pubbliche in Europa.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.