banner
Intervista Spacebit, “le comunicazioni spaziali sono sulla blockchain EOS”
Intervista Spacebit, “le comunicazioni spaziali sono sulla blockchain EOS”
Interviste

Intervista Spacebit, “le comunicazioni spaziali sono sulla blockchain EOS”

By Aneta Karbowiak - 26 Ott 2018

Chevron down

Pavlo Tanasyuk, fondatore di Spacebit, si è seduto qualche giorno fa con noi di Cryptonomist per parlare di Orbit:Linx, una joint venture tra Spacebit e la Goonhilly Satellite Earth Station, e del suo progetto Link X costruito sulla blockchain EOS.IO.

Read this article in the English version here.

Spacebit e Goonhilly Satellite Earth Station hanno sviluppato LinkX, un sistema di programmazione di stazioni terrestri decentralizzate e parte della piattaforma globale spaziale di comunicazione decentralizzata Orbit:Linx.

Di seguito il video e la traduzione in italiano:

Quali sono i progetti di Spacebit e Goonhilly Earth Space Station?

Si tratta della comunicazione tra i satelliti e la Terra. Non c’è Internet nello spazio. Chi vuole usarlo, deve prima assicurarsi che i fornitori abbiano le parabole disponibili, ma può essere anche che si trovano in un’altra parte del mondo e non hanno la copertura dei satelliti verso le diverse parti del mondo.

Se si desidera parlare con quel satellite di solito si chiama un fornitore di stazioni terrestri e si chiede loro di fornire un satellite specifico in un momento specifico per un prezzo specifico. Bisogna chiamare e negoziare, bisogna fare una transazione specifica e a volte ci vogliono ore e persino giorni, quindi è un processo molto lungo ed è per questo che un mercato per la comunicazione satellitare è molto frammentato perché non c’è un sistema che collega il tutto, questo è quello che Orbit:LinkX vuole fare.

Si tratta di automazione, programmazione automatica e processo di offerta per la comunicazione satellitare. Quello che stiamo cercando di realizzare qui è la costruzione di un nuovo Internet per lo spazio dove è possibile connettersi con il satellite nello spazio con dati commerciali o dati scientifici, e si può parlare con i satelliti direttamente utilizzando la nostra piattaforma.

Il passo successivo sarebbe quello di utilizzare i servizi di demodulazione e la piattaforma EOSIO dove possiamo prendere tutti i dati e trasferirli in qualcosa che gli utenti possono finalmente utilizzare.

Leggo sul vostro sito web che lo scopo del vostro progetto è quello di democratizzare l’accesso allo spazio, costruire un nuovo modello economico decentralizzato, gestire e tokenizzare macchine spaziali commerciali. Cosa significa tutto questo?

È un nuovo modello economico di cui sto parlando da tempo. È la tokenizzazione delle risorse spaziali. Cosa significa tutto questo? Significa che al momento, se si investe in un’impresa spaziale come VC, di solito il ciclo di investimento è molto lungo e non c’è liquidità. È una nuova classe di asset di sicurezza per lo spazio che è in grado di supportare una specifica azienda o missioni e che rendono gli investimenti più liquidi in modo da poter avere un flusso in tempo reale e ottenere nuovi investitori che è molto importante durante il ciclo dell’investimento.

Questo è molto importante per le industrie spaziali perché la maggior parte degli investimenti in questo settore sono investimenti a lungo termine e in realtà il nostro prossimo passo sarebbe il lancio di un nuovo fondo spaziale specifico che utilizzerebbe una criptovaluta, un modello di tokenizzazione e lo sviluppo di uno specifico exchange regolamentato per i beni spaziali dove possiamo tokenizzare e includere investitori sofisticati. Infine avremo anche la possibilità di includere i singoli utenti o persone che vogliono partecipare direttamente a progetti spaziali.

Un exchange regolamentato? Da chi?

Sì, è un nuovo concetto di exchange. Non è come un normale exchange di criptovalute.

Non puoi dire altro?

Beh, il fondo sarà annunciato molto presto, entro una settimana. Il fondo investirà in progetti spaziali che non sono necessariamente basati sulla blockchain.

State facendo una ICO o un airdrop per gli utenti?

No, non lo stiamo facendo. C’è un token nativo con Orbit:Linx che verrà utilizzato per i pagamenti e ovviamente, un giorno, potrebbe essere listato sugli exchange crypto perché esiste un caso d’uso reale del titolo e c’è la necessità delle forze di mercato di essere parte dei sistemi Orbit:Linx, che sicuramente verranno listati dagli exchange, ma per ora sono solo applicazioni B2B. Ci sono titoli che vengono utilizzati dalla community di aziende spaziali che utilizzano i titoli per effettuare transazioni sul sistema stesso.

Come verrà utilizzata la piattaforma EOSIO da Orbit:LinkX?

Sì, lo sviluppo avverrà sulla piattaforma EOS e ovviamente la apriremo ad altri attori della community spaziale. Ora è in beta testing su EOS e quando la renderemo disponibile sarà possibile andare sul sito web e utilizzare la nostra piattaforma per accedere ai dati spaziali. In realtà a qualsiasi tipo di dati spaziali aperti e ci sarà la possibilità di acquisire qualsiasi dato spaziale e questi dati saranno trasmessi in streaming dal satellite. Un grande uso dei dati è quando saranno gratuiti per l’istruzione, anche per le istituzioni educative.

Noi abbiamo individuato alcuni aspetti delle applicazioni blockchain per lo spazio. Il primo è la tecnologia: la blockchain sarà utilizzata per le comunicazioni spaziali o per esempio per un sistema operativo su un veicolo spaziale o altro. Ci saranno anche applicazioni finanziarie come la tokenization delle missioni future e il raccoglimento dei fondi.

Come userete Qubic di IOTA?

IOTA è specifico per l’internet degli oggetti e per molteplici veicoli spaziali che devono comunicare tra loro. L’essenza di quel protocollo è che permette la comunicazione dell’internet degli oggetti e permette a piccoli dispositivi, satelliti o forse rover sulla luna di parlare tra loro e comunicare e raggiungere il consenso sulla rete. In questo caso non ha senso usare la blockchain di EOS. La cosa di cui dobbiamo essere sicuri è che quelle transazioni ritornano alla nostra rete principale.

Come comunicheranno tra loro tutti questi dispositivi visto che non ci sono fili e Internet nello spazio?

Usiamo una comunicazione radio che è radar e in futuro sarà laser. La comunicazione laser sarà uno degli aspetti delle future macchine spaziali, quindi si tratta di comunicazione radio e laser e ovviamente bisogna demodulare quei segnali e trasmettere i dati e le informazioni commerciali in streaming su internet e ovviamente quel sistema si collegherebbe usando gli IP.

Dove collocheresti Orbit:LinkX tra il tipo di progetti gestiti da Elon Musk, Jeff Bezos o Richard Branson?

Stiamo facendo cose che potrebbero aiutare Elon Musk e Richard Branson a parlare con i loro satelliti. Elon Musk sta progettando di lanciare diversi satelliti in un paio d’anni e avrà bisogno di stazioni terrestri e avrà bisogno di alcuni processi automatizzati perché stiamo parlando di dati, una quantità enorme di dati che vengono letti da questi satelliti, c’è la necessità di comunicazione e bisogna essere in grado di pianificare i satelliti e ottenere i dati e creare la comunicazione anche tra loro e per questo il nostro sistema è unico e permette il consenso distribuito, la programmazione e l’offerta per gli spot temporali per le applicazioni satellitari.

Rimuoviamo l’ostacolo delle chiamate, degli SMS e dei trasferimenti di denaro. Possiamo sicuramente lavorare con Elon.

IOTA su Marte ha senso perché possiamo aiutare i rover a parlare tra loro e raggiungere il consenso e forse anche finanziare la missione di Elon Musk in futuro. Questa è anche una possibilità.

Potete descrivere il vostro Internet spaziale?

Chiamerei il sistema Orbit:LinkX un futuro dell’Internet spaziale. Useremo la blockchain di EOSIO per creare Internet per le comunicazioni spaziali.

Lo creerete per sostituire l’Internet esistente?

Questo non è un Internet per sostituire l’Internet sulla Terra ma sicuramente ci sarà una connessione terrestre di diversi nodi e aziende e persone che vogliono accedere ai satelliti, che vogliono parlare con i rover e forse in futuro con persone sull’orbita lunare e su Marte.

Utilizzeranno il sistema di comunicazione Orbit:Linx creato da Spacebit ma non credo che questo sistema sostituirà internet sulla terra perché è già abbastanza efficiente.

Ovviamente, la blockchain potrebbe portare qualcosa di utile in termini di Internet di valore e che riguarda anche l’economia spaziale dove ci sarà la possibilità di trattare effettivamente il valore nello stesso momento in cui si trattano i dati. Potrebbe essere utilizzato in futuro come space banking. Ci saranno asteroidi e miniere in futuro, quindi qualcosa come Internet spaziale sviluppato da Orbit:LinkX può anche essere un sistema che fondamentalmente permetterà le transazioni di valore, ma stiamo parlando di un futuro lontano.

Quali sono i possibili svantaggi del vostro progetto? Con 15.000 satelliti già nello spazio e molti che si aggiungeranno, come sarete sicuri che questi dispositivi non si scontrino?

La Blockchain può essere sfruttata per aiutare il sistema di comunicazione satellitare trasversale. IOTA può aiutare i satelliti a identificare. a parlare tra loro e poi a programmare i movimenti intorno alla Terra e nello spazio. Questo è qualcosa che è possibile e può mitigare il rischio di collisione, ma ovviamente dovrà andare di pari passo con altri nuovi sviluppi. Non è solo la blockchain, ma saranno molte altre tecnologie complementari che dovranno essere sviluppate. In futuro è abbastanza probabile che dovremo usare una sorta di consenso automatizzato tra i nodi spaziali per evitare collisioni o accordarci su quello che stanno facendo, dove stanno andando e cose del genere.

Avrete bisogno di un modello di governance nel vostro progetto?

Assolutamente. La governance non è qualcosa di stabilito, ma è aperta. Di recente sono stato relatore al Congresso Astronautico Internazionale e sono stati toccati anche argomenti riguardanti la governance spaziale. Era la prima volta che questi temi sono stati toccati in una grande conferenza spaziale.

Lo spazio ora è come il selvaggio West

Beh, non è come il selvaggio West. C’è la regolamentazione. C’è il trattato sullo spazio, c’è il trattato sulla Luna e anche i singoli governi stanno creando leggi sullo spazio. Ad esempio, il Lussemburgo è uno di quei governi che permette l’estrazione di risorse spaziali da parte delle organizzazioni e questo è qualcosa di nuovo. Ecco perché crediamo che governi come il Lussemburgo si trovino in una posizione unica nello sviluppo dell’economia spaziale. Speriamo che anche il Regno Unito sia in grado di farlo.

Quale ruolo gioca l’Intelligenza Artificiale nel vostro progetto?

L’Intelligenza Artificiale sarà molto importante. Fonte degli accordi e delle comunicazioni dei satelliti. All’interno del nostro sistema Orbit:LinkX abbiamo elementi base di Intelligenza Artificiale che sono stati utilizzati per la programmazione del sistema. Ovviamente non sono ancora così intelligenti ma saranno più intelligenti in futuro e questo è ciò che è molto importante per le future macchine spaziali e satelliti. Avremo bisogno di una sofisticata meccanica di intelligenza artificiale e ci dovrebbe essere un meccanismo di consenso, dato che gli esseri umani non saranno in grado di controllare tutte quelle attività nello spazio contemporaneamente, quindi ci sarà bisogno di un certo livello di automazione. Ci stiamo muovendo verso una nuova rivoluzione industriale che potrebbe chiamarsi 2.0 dove si hanno processi di automazione e la pianificazione dell’economia futura e l’industria spaziale è una di quelle industrie dove trova il suo caso d’uso.

Qual è la principale opportunità commerciale per i progetti spaziali. Qual è il punto di forza di questo settore?

Oh, ce ne sono molti. Ora parlerò di spazio non necessariamente legato alla blockchain. Ci sono così tanti articoli e inoltre non c’è una sorta di sistema nello spazio in questo momento. Ci sono molte lacune. Stiamo parlando di esplorazione della Luna o di Marte o di aziende che costruiscono razzi come Elon Musk o altri, ma non c’è un vero e proprio quadro che li collega e ci sono ancora lacune nella catena di approvvigionamento e credo che ci siano molte aziende spaziali che stanno aiutando questi sviluppi. Quando si pensa a Musk viene in mente il successo dei suoi razzi, ma ovviamente ci sono anche molte altre aziende più grandi e piccole.

Quali altri progetti avete oltre alla vostra piattaforma di programmazione Orbit:LinkX?

Abbiamo alcuni progetti legati all’esplorazione, ma questo è qualcosa che sveleremo nei prossimi due mesi.

Come sarà garantita la vostra comunicazione in caso di cambiamenti climatici?

Ecco perché abbiamo un meccanismo di consenso decentralizzato in cui avremo più stazioni terrestri e non una sola. Goonhilly ha 60 satelliti in tutto il mondo e il numero aumenterà in modo da avere la capacità di evitare problemi causati da questo tipo di eventi naturali, per cui è possibile mitigare i rischi della singola piattaforma e soprattutto si può avere la resilienza del sistema. Se un canale di comunicazione fallisce è possibile utilizzare automaticamente un altro canale di comunicazione e programmarlo automaticamente senza la necessità di chiamare e impostare una nuova connessione.

Aneta Karbowiak
Aneta Karbowiak

Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Genova, si è presto interessata allo sviluppo delle applicazioni mobili e dei chat bot. È entrata nel mondo dell'editoria come manager di un sito di sport inglese dove ha gestito un team di dieci persone. Appassionata della tecnologia blockchain e delle criptovalute, ha cominciato a scrivere per Qubithacker.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.