8 modi con cui le blockchain potrebbero cambiare il Marketing
8 modi con cui le blockchain potrebbero cambiare il Marketing
Blockchain

8 modi con cui le blockchain potrebbero cambiare il Marketing

By Stefania Stimolo - 4 Nov 2018

Chevron down
Ascolta qui
download

Il marketing ha subíto una grande evoluzione con l’introduzione di internet. Con il marketing online, infatti, è oggi possibile accedere ad una moltitudine di strumenti che permettono alle aziende e utenti di conoscersi meglio e questo ha trasformato nel tempo l’intero mind-set aziendale, passando da strategie invasive verso la massa, a strategie di attrazione verso utenti targettizzati.

Read this article in the English version here.

Durante questa incredibile evoluzione sono nate vere e proprie società online dedicate a fornire solo servizi di marketing come raccolta dati, pubblicità, leads generation, emailing, il SEO, e nuovi ruoli come influencer, il copywriting, a volte creando un po’ di confusione.

La tecnologia blockchain che registra i dati senza un controllo centralizzato, potrebbe apportare ulteriori vantaggi nel marketing, superando i limiti del metodo tradizionale.

Ecco gli 8 vantaggi per un Blockchain marketing:

  • Trasparenza nella raccolta dati

La raccolta dati è un’attività fondamentale per un’azienda per comprendere i propri clienti o utenti. Utilizzando la blockchain, le aziende offrirebbero garanzia di trasparenza ai loro utenti, che potrebbero cosí verificare che i propri dati, forniti in cambio di una promozione, non vengano poi utilizzati per altri scopi.

Rispetto al metodo tradizionale di compilazione di un form con i Termini e Condizioni, l’utente sarebbe più propenso a fornire i propri dati a chi usa il modello blockchain, visto che lo stesso potrebbe sempre monitorare sul registro pubblico come l’azienda utilizza tali dati.

  • Disintermediazione e miglior targetizzazione

L’intermediazione dei colossi come Google e Facebook saranno difficili da sostituire in termini di numeri e di conoscenza dei propri utenti, sia come fornitori di pubblicità ma anche per la raccolta dati (entrambe ovviamente interconnesse), ma potrebbero sparire i piccoli intermediari che svolgono attività di indagini di mercato, lasciando l’operato in mano all’azienda stessa.

Con l’utilizzo della blockchain le aziende potrebbero acquisire un contatto diretto con l’utente e lavorare per migliorare la targetizzazione delle proprie strategie.

  • Disintermediazione e miglior gestione dei media.

In ambito Marketing e pubblicità esistono già numerose blockchain-based startup con lo scopo di donare chiarezza nelle transazioni tra utenti e inserzionisti, cosí che i grandi intermediari che gestiscono i media potrebbero essere rimossi.

Le startup basate sulla blockchain permettono all’azienda di verificare sul registro distribuito come agiscono i media, rispetto il funzionamento tradizionale dove non esiste un monitoraggio evidente.

  • Pochi ma buoni influencer

La categoria degli influencer che negli ultimi anni ha invaso il web, con l’utilizzo di blockchain verrà completamente ridimensionata.

I famosi follower che caratterizzano il potenziale degli influencer sono spesso creati utilizzando i bot, cioè numeri e non persone realmente interessate. Con blockchain potrebbe essere possibile per i marketer scoprire la verità, scartando gli influencer fasulli e riqualificando i migliori in cima alla lista.

  • Più responsabilità per i redattori nel trasmettere informazioni

Anche nel sacro mondo dell’informazione e di tutto il settore dell’editoria potrebbe essere tutto tracciato sulla blockchain, dalle notizie per eliminare i fake a tutti i contenuti per verificarne la proprietà intellettuale.

La trasparenza donerà più responsabilità per i redattori e un’ottima misura sull’impressione ricevuta.  

  • Aumento della fiducia degli inserzionisti

L’utilizzo della blockchain proteggerebbe gli utenti da eventuali preoccupazioni sulla privacy dei propri dati, ma soprattutto creerebbe maggiore fiducia verso l’inserzionista che sarà visto come promotore di responsabilità sociale.

  • Crescita dell’industria verifica frode

Le frodi possono verificarsi anche in ambito pubblicitario, vista la complessità di gestione.

Implementando blockchain, le aziende potrebbero verificare chi, come e dove vengono pubblicati i propri annunci.

In questo modo, le nuove startup di “check ads”, che con la blockchain sono in grado di verificare le frodi, potrebbero crescere a macchia d’olio.

  • La nuova Ad-Tech

La scalabilità attuale della blockchain ancora non ne permette la piena implementazione. Il fatto che siano i minatori a dover confermare le transazioni implica una certa lentezza rispetto ai servizi di ads centralizzati offerti.

Nonostante questa mancanza rispetto alla tradizionale velocità di millisecondi per transazione, le iniziative blockchain potrebbero già essere implementate nei post-campagna pubblicitaria, inizializzando la nuova era dell’ad-tech.

 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.