banner
Soundreef, la blockchain di Bitcoin per tutelare il diritto d’autore
Soundreef, la blockchain di Bitcoin per tutelare il diritto d’autore
Blockchain

Soundreef, la blockchain di Bitcoin per tutelare il diritto d’autore

By Stefania Stimolo - 9 Nov 2018

Chevron down

Soundreef ltd è una ente indipendente della Soundreef SPA italiana, che gestisce il diritto d’autore di oltre 31000 artisti ed editori tra cui Enrico Ruggeri, Fedez,J Ax, Rovazzi, Gigi D’Alessio e molti altri ancora. L’azienda ha annunciato l’integrazione della blockchain di Bitcoin nei propri servizi per portare la decentralizzazione nella gestione delle licenze del diritto d’autore, mettendosi in una posizione opposta al SIAE che ne detiene il monopolio da oltre 70 anni.

Read this article in the English version here.

Il servizio blockchain offerto dalla piattaforma musicale è gratuito e sarà utilizzato per un numero illimitato di opere.

Soundreef userà quindi la blockchain di Bitcoin, ma non in maniera diretta. L’azienda infatti userà Open Timestamp per fare una “marca temporale”, ovvero un’istantanea dei dati in modo che si possa provare la data di un determinato evento. Però questo non assicura in modo diretto la proof of publication, che verrà infatti effettuata solo in un secondo momento, condividendo l’hash sulla blockchain di bitcoin.

Nel suo comunicato stampa, Soundreef afferma:

“Grazie a questa tecnologia che permette la condivisione in open source e la certificazione istantanea del brano, gli aventi diritto potranno ottenere con un click un certificato digitale che attesta la paternità della propria opera e la marca temporalmente, sfruttando la sicurezza del registro Blockchain”

Soundreef non è il primo caso digitale contro la SIAE. Durante quest’anno, infatti, anche la società Rehegoo Music Group ha creato una ICO basata su blockchain per salvaguardare un aggiornamento in ambito del diritto d’autore.

Non solo, secondo quanto riportato, Soundreef aveva già chiesto alle autorità di intervenire per il caso “007 Operazione Rovazzi”, presentando una denuncia alla Procura della Repubblica al fine di accertare la rilevanza penale dell’attività di intelligence svolta a suo danno.

David D’Arti, CEO dell’azienda, ha spiegato:

“la blockchain è certamente la tecnologia del futuro siamo quindi molto soddisfatti di aver introdotto per i nostri iscritti questo servizio che, avendo anche valore legale, tutela e garantisce al 100% l’originalità dell’opera”

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.