banner
Plague Hunters, la blockchain di Ethereum sulla PlayStation 4
Plague Hunters, la blockchain di Ethereum sulla PlayStation 4
Blockchain

Plague Hunters, la blockchain di Ethereum sulla PlayStation 4

By Adrian Zmudzinski - 20 Nov 2018

Chevron down

Un nuovo gioco di ruolo sviluppato dalla Arcade Distillery, Plague Hunters, che utilizza la blockchain di Ethereum, ha recentemente passato il processo di esame da parte della Sony ed è destinato a essere rilasciato sulla PlayStation 4 (PS4).

Read this article in the English version here.

https://www.youtube.com/watch?v=NlllyDW1LMM

Il gioco in questione, un sequel del predecessore Plague Road, utilizza dei token non fungibili basati sulla blockchain di Ethereum. Plague Hunters, una volta distribuito anche per PS4, sarà gratuito per i giocatori e conterrà un marketplace che permetterà ai giocatori transazioni peer to peer.

Le armi, le unità e gli altri asset interni al gioco saranno rappresentati da token non fungibili. Questa è la prima volta che un gioco che sfrutta la blockchain viene ammesso su PS4. Il gioco è così descritto dal sito ufficiale:

“Costruisci il tuo esercito di cacciatori. Addestrali e preparali o combatti. Scambia i tuoi cacciatori sul mercato basato su blockchain con altri giocatori.”

Il gioco è destinato ad essere rilasciato durante il primo trimestre del 2019 e la PlayStation 4 non è l’unica piattaforma sulla quale sarà disponibile. Infatti, sono in sviluppo anche le versioni per Nintendo Switch e PC. Il team di sviluppo, inoltre, considera le opzioni offerte dalle piattaforme mobile e dalla Xbox One.

Cosa sono i token non fungibili?

I token non fungibili sono stati resi famosi dal progetto CryptoKitties, gli sviluppatori del quale sono anche proprio gli stessi creatori dello standard ERC721. Questi token, a differenza della maggior parte dei cryptoasset, non sono intercambiabili.

A differenza del dollaro o di bitcoin, infatti, ogni token ERC721 ha delle sue proprietà uniche e rappresenta un bene separato, come, appunto nel caso di CryptoKitties, delle figurine di gatti da collezione.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.