banner
Sofia Casero: una bambina di 8 anni spiega la blockchain durante il Talent Woman
Sofia Casero: una bambina di 8 anni spiega la blockchain durante il Talent Woman
Blockchain

Sofia Casero: una bambina di 8 anni spiega la blockchain durante il Talent Woman

By Fabio Carbone - 3 Dic 2018

Chevron down

La Spagna ha trovato la sua ambasciatrice della blockchain, si chiama Sofia Casero Chicharro, ha otto anni e frequenta la terza elementare e durante l’evento Talent Woman ha spiegato la tecnologia dei blocchi ad un pubblico di 600 persone.

Read this article in the English version here.

La notizia ha suscitato tanto interesse e curiosità in Spagna e soprattutto incredulità: come può una bambina così piccola, che nel tempo libero pratica la ginnastica ritmica e il canto, essere un’esperta di blockchain?

Eppure Sofia ha parlato di blockchain alle persone riunite per il forum spagnolo Talent Women.

Ad accompagnare Sofia la madre Carmen Chicharro, direttrice dell’innovazione e del marketing di Metrovacesa, società del settore immobiliare.

La signora Chicharro è anche l’istruttrice che ha trasferito a Sofia tutta la conoscenza su un argomento così complesso: lei è infatti dirigente dell’Alastria Innovation and Talent Commission, un consorzio multisettoriale per la promozione e creazione di una infrastruttura blockchain in Spagna.

Sofia Casero blockchain Talent Woman

Sofia Casero, una bimba come le altre

Sofia è una bimba come le altre, ama leggere e giocare con gli amici, ma ha una particolare predilezione per tutto ciò che riguarda la tecnologia e nello specifico il funzionamento della blockchain.

Intervistata da La Vanguardia, la signora Chicharro ha raccontato come la piccola Sofia si è avvicinata alla blockchain.

Sentendo parlare dell’argomento in famiglia, Sofia avrebbe iniziato a fare domande sul tema fino a chiedere una spiegazione completa ed esaustiva sulla materia. Così la signora Chicharro avrebbe deciso di spiegare il concetto paragonandolo al gioco del parchis.

Utilizzando le similitudini presenti tra il gioco e la blockchain, Sofia ha quindi appreso a otto anni quanto in molti ancora non comprendono ad età decisamente superiori alla sua.

Il gioco del parchis prevede l’uso di token e di regole di gestione di questi ultimi, che la madre ha associato al concetto degli smart contract. Per far comprendere il consenso necessario in un sistema come blockchain, ha spiegato alla bambina che tutti i giocatori del parchis devono essere d’accordo con la partita.

Stimolare le donne spagnole ad entrare nel settore

L’obiettivo di Carmen Chicharro è di avvicinare le donne spagnole al mondo della blockchain, perché, secondo i dati da lei forniti, solo il 10% di esse studia la materia o si impegna a costruire una carriera nel settore.

“Abbiamo deciso di partecipare a questo evento, perché sapevamo che vedendo Sofia, molte donne avrebbero pensato: se può imparare lei, tutte possono”, ha commentato la madre della bambina a margine dell’evento di Málaga.

La Costa del Sol, ed in particolare Málaga, si rende ancora una volta protagonista di novità insolite nell’ambito delle tecnologie digitali decentralizzate.

Fabio Carbone
Fabio Carbone

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.