banner
Roger Ver accusato di aver manipolato il Bitcoin Cash Network
Roger Ver accusato di aver manipolato il Bitcoin Cash Network
Blockchain

Roger Ver accusato di aver manipolato il Bitcoin Cash Network

By Fabio Lugano - 10 Dic 2018

Chevron down

Roger Ver, insieme a Bitmain, Kraken e Bitcoin.com, è stato querelato dalla United American Corporation (UnitedCorp) per aver manipolato il Bitcoin Cash Network in maniera fraudolenta, con lo scopo di far prevalere la propria versione, BCH ABC.

Read this article in the English version here.

UnitedCorp è una società esistente dal 1992 che investe nei settori dell’alta tecnologia e della blockchain, con diversi progetti attivi legati all’innovazione.

L’accusa è molto precisa: le società in questione si sarebbero accordate per manipolare e distorcere il prezzo dei rami di BCH dopo l’hard fork avvenuto il 15 novembre, cercando di far prevalere la versione ABC da loro supportata.

L’operazione si sarebbe svolta attraverso l’utilizzo di Hashing power preso a noleggio, attraverso il quale avrebbero cercato di prendere il controllo di BCH ABC e di centralizzarlo maggiormente.

Ciò avrebbe anche distorto il valore della criptovaluta che, in un primo momento, appariva ben superiore a quello dell’altra versione dell’hard fork, cioè BCH SV, che però in seguito, ha ripreso potentemente valore sul mercato.

Se valutiamo l’andamento dell’hash rate per entrambe le versioni, notiamo dei valori fortemente divergenti, con la versione ABC avente una varianza molto alta (dati Coindance):

Appena dopo l’hard fork si può notare un’esplosione nell’hash rate della versione appoggiata da Ver, mentre l’andamento di SV appare un po’ meno erratico.

Attualmente, nonostante la generale riduzione di potenza abbiamo una netta prevalenza della variante SV.  

Se poi passiamo a valutare la profittabilità, pur essendo entrambi più profittevoli di BTC, vi è ora una netta prevalenza di SV su ABC:

Quindi, chi ha investito sul mining di ABC nei primi giorni di euforia può aver fatto effettivamente un affare meno buono rispetto a chi invece ha investito su SV.

Ciò, insieme all’andamento dell’hash rate in generale ed al supporto dato da Kraken, via media, ad ABC potrebbe far supporre che ci sia un fondo di verità nelle accuse di UnitedCorp.

Allo stesso tempo, in un momento in cui le criptovalute hanno dei valori bassi, le vie legali possono essere un modo per avere dei ritorni economici non possibili con la normale gestione caratteristica d’azienda. La querela quindi potrebbe essere una scorciatoia per non chiudere l’anno in rosso.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.