Liqui: chiude l’exchange ucraino
Liqui: chiude l’exchange ucraino
Criptovalute

Liqui: chiude l’exchange ucraino

By Fabio Lugano - 28 Gen 2019

Chevron down

Chiude l’exchange ucraino Liqui. In una comunicazione ufficiale resa pubblica oggi, infatti, l’exchange afferma di non essere più in grado di fornire una liquidità sufficiente per mantenere efficiente l’exchange e di non avere più un ritorno economico sufficiente per mantenere attivo il sito.

Read this article in the English version here.

A questo punto l’unica possibilità per la società è chiudere il sito di Liqui exchange, il wallet e restituire i token depositati a tutti i clienti.

Il sito garantirà il ritiro dei token in modo ordinario per i prossimi 30 giorni. In seguito, chi non avrà ancora provveduto potrà ritirare rivolgendosi al desk di supporto, che resterà comunque attivo fino a che l’ultimo cliente non avrà ritirato i propri asset: infatti, è volontà della società non danneggiare nessun cliente e nessuno scomparirà con le criptovalute.

Le norme degli accordi di sottoscrizione si applicheranno fino al momento in cui l’ultimo token non sarà stato ritirato.

Liqui, nel proprio comunicato, non esclude di poter tornare sul mercato se le condizioni cambieranno ed aumenteranno le possibilità di produrre utili.

Liqui exchange chiude

Attualmente Liqui ha in listing 182 coppie di scambio, ma con un volume giornaliero tradato molto basso, pari a 64mila dollari circa.

Questo fa sì che quasi tutte le coppie non abbiano volume, con solo 14 coppie che scambiano almeno 1000 dollari al giorno: una cifra veramente irrilevante.

Liqui non offre coppie con fiat ma solo fra criptovalute, con pair solo con Tether, bitcoin ed Ether. In passato, l’exchange era diventato popolare durante i mesi ruggenti delle ICO, quando anche i token meno importanti potevano trovare una quotazione sulle sue pagine.

Il progressivo ridursi delle nuove iniziative ed il calo nelle quotazioni ha reso i suoi sforzi non più remunerativi. Poetica la frase finale del comunicato, tratta da una citazione di Marianne Williamson:

“Ogni fine è un nuovo inizio, Con la grazia di Dio, possiamo sempre ricominciare”.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.