Crypto360: disponibile il Crypto Custody service per la tramandabilità dei wallet
Criptovalute

Crypto360: disponibile il Crypto Custody service per la tramandabilità dei wallet

By Amelia Tomasicchio - 8 Feb 2019

Chevron down

Crypto360 lancia il nuovo servizio off-chain Crypto Custody service di custodia e tramandabilità dei propri fondi in criptovalute per privati, utile soprattutto in caso di decesso, ma anche per donazioni e regali da fare, per esempio, in occasione di matrimoni, lauree o il compimento della maggiore età.

Read this article in the English version here.

Il servizio, sicuro e trasparente a detta dei suoi creatori, consiste nella stipula di un contratto che consente di assicurarsi che le chiavi private dei propri wallet vengano consegnate agli eredi designati dopo la morte.

In questo modo il servizio supporta di fatto tutte le criptovalute ed i token per i quali sia possibile la conservazione su wallet di cui si conoscano seed o chiavi private.

In altre parole, con il Crypto Custody service di Crypto360 sarà possibile conservare la proprie chiavi private per riscattarle liberamente in futuro al verificarsi di uno specifico evento indicato nel contratto, anche non necessariamente legato ad un decesso, utile ad esempio qualora ci si voglia semplicemente assicurare che il passaggio e la consegna avvengano in modo sicuro.

Crypto360 e il caso QuadrigaCX

Questo servizio di custodia sarebbe potuto tornare utile nel caso dell’exchange canadese QuadrigaCX i cui fondi – si dice – sono andati perduti a causa della morte del fondatore che non si era preoccupato di assicurarsi che le chiavi private dei cold wallet venissero consegnati agli eredi dopo la sua dipartita.

Il servizio viene offerto in tre modalità:

  • la custodia di base con riscatto al decesso, che tutela in caso di successione solo gli eredi legittimi,
  • la custodia con tramandabilità, per vincolare il riscatto del file al verificarsi di un determinato evento e poter indicare vari beneficiari,
  • una soluzione ibrida tra le due precedenti.

A differenza delle attuali soluzioni on-chain presenti sul mercato che vincolano l’utente a gestire in prima persona il passaggio, il servizio di conservazione off-chain delle chiavi private di Crypto360 non richiede alcuna particolare operatività da parte del cliente, lasciando contemporaneamente piena libertà di poter continuare a gestire liberamente le proprie criptovalute.

Per garantire la sicurezza, Crypto360 non entra in possesso delle chiavi private del cliente, perché queste vengono consegnate in un file criptato.

Il file quindi deve essere criptato dal cliente con una sua password privata prima di essere consegnato a Crypto360, che provvederà poi a criptarlo ulteriormente con una seconda password ed a conservarlo nel proprio storage.

Nel caso di riscatto il file verrà decriptato con la seconda password generata dal servizio e consegnato a chi di dovere che dovrà utilizzare la prima password per decriptarlo completamente. Questa prima password dovrà essere consegnata ai beneficiari tramite altre vie (per es. il testamento).

Dato il suo funzionamento, in realtà il servizio volendo consente di conservare per conto terzi qualunque informazione digitalizzabile, anche se nasce con lo scopo specifico di conservare e tramandare le chiavi private dei wallet.

Inoltre, di fatto consente anche di non vincolare la tramandabilità solo al decesso, e quindi può essere utilizzato anche in altre casistiche, come ad esempio mettere a disposizione di un figlio un wallet con criptovalute, ma solo al compimento del diciottesimo anno.

Apertura servizio e Airdrop

Da quanto emerge nel white paper (che è girato in varie chat in questi giorni) e da quanto riportato sul loro sito, la piattaforma sarà attiva dal 5 marzo.

 Il giorno precedente, ovvero il 4 marzo, effettueranno (sempre dalle informazioni reperibili) un Airdrop dei loro token che avranno funzione di scontistica sul servizio una volta attivo. È possibile già da adesso ricevere i token lasciando una mail e il proprio indirizzo ETH alla loro pagina ufficiale, i destinatari riceveranno 2.000 C360 token equivalenti ad uno sconto del 20% sul servizio offerto

C360 è un utility token ERC20 generato internamente e non frutto di una ICO. La sua funzione è legata alla scontistica interna alla piattaforma di Crypto360: i possessori dei token potranno infatti usufruire di una specifica scontistica in base alla quantità di token posseduti.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.