banner
J-Coin Pay: in Giappone arriva un servizio di pagamento. Forse su blockchain
J-Coin Pay: in Giappone arriva un servizio di pagamento. Forse su blockchain
Blockchain

J-Coin Pay: in Giappone arriva un servizio di pagamento. Forse su blockchain

By Marco Cavicchioli - 25 Feb 2019

Chevron down

Il 1° marzo 2019 verrà lanciata un’app per iOS e Android chiamata J-Coin Pay, ovvero un nuovo sistema di pagamento con QR code basato su una nuova valuta digitale, ma non è ancora specificato se sarà utilizzata la blockchain.

Read this article in the English version here.

J-Coin Pay è stato creato da un gruppo di 60 istituzioni finanziarie giapponesi tra cui Mizuho, ​​Japan Post Bank, Ogaki Kyoritsu Bank (OKB), Bank of Toyama, Shinsei Bank e Sumitomo Mitsui Trust Bank.

J-Coin Pay sistema di pagamento

Il progetto è stato avviato già nel 2017 da un consorzio di banche giapponesi ed ha come obiettivo, tra gli altri, quello di fornire un sistema di pagamento a portata di tutti per le Olimpiadi che si terranno a Tokyo nel 2020.

Il consorzio ha ottenuto il pieno supporto della banca centrale e delle autorità di regolamentazione dei mercati finanziari del Giappone, e la nuova valuta J-Coin sarà scambiata alla pari con la valuta nazionale, ovvero lo Yen.

Non è ancora chiaro tuttavia se la nuova valuta sarà basata su blockchain o DLT, perchè i dettagli tecnici non sono ancora noti.

J-Coin Pay permetterà ai clienti di effettuare pagamenti, inviare e ricevere trasferimenti ed eseguire altre transazioni finanziarie sui loro smartphone nella nuova valuta J-Coin. Inoltre gli utenti dell’App potranno anche spostare fondi tra i loro account J-Coin Pay ed i loro conti bancari “gratuitamente, sempre e ovunque”.

La registrazione all’app non richiede uno screening come per le carte di credito, e sarà anche aperta agli utenti di età pari o inferiore a 18 anni.

Il servizio ovviamente sarà disponibile anche per gli utenti esteri che visitano il Giappone, grazie a partnership con altri operatori al di fuori del Giappone. In quest’ottica potrebbe diventare un servizio molto utile nel 2020 quando centinaia di migliaia di stranieri giungeranno a Tokyo per le Olimpiadi.

L’iniziativa rientra anche nei piani del governo giapponese per raddoppiare il numero di cittadini che utilizzano pagamenti senza contanti, portando questa percentuale al 40% entro il 2025. Infatti, oltre al consorzio di banche, sono coinvolte nel progetto anche aziende di altri settori come la vendita al dettaglio, la ristorazione e l’energia.

L’obiettivo è quello di raggiungere un minimo di 300.000 negozi e almeno 6,5 milioni di utenti nel giro di pochi anni, sfruttando l’ampia base di titolari di conti presso le banche consorziate.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.