Federal Reserve va offline. E Bitcoin sale
Federal Reserve va offline. E Bitcoin sale
Bitcoin

Federal Reserve va offline. E Bitcoin sale

By Marco Cavicchioli - 3 Apr 2019

Chevron down

Il sistema di regolamenti in tempo reale della Federal Reserve Bank è andato offline ieri per un breve periodo di tempo, proprio mentre invece il prezzo di bitcoin segna nuovi rialzi.

Read this article in the English version here.

Lo hanno riferito diversi utenti; lo stop ha impedito a diverse banche di portare a termine operazioni di vario genere. Su Instagram è stato anche pubblicato uno screenshot della pagina ufficiale del sito della Fed sullo status dell’attività dei propri sistemi che attesterebbe l’avvenuto malfunzionamento.  

Anche su Reddit un utente ha scritto:

“Oggi la Federal Reserve degli Stati Uniti ha riscontrato un problema inaspettato ed è andata completamente giù. È ancora irrisolto, eppure non sembra che un singolo notiziario stia riportando questa notizia, e l’enorme impatto che ha”.

federal reserve offline bitcoin

Si tratta del sistema Fedwire di proprietà delle 12 banche della Federal Reserve degli Stati Uniti d’America e gestito internamente. Ieri, 2 aprile 2019, per qualche minuto questo sistema ha smesso di funzionare e questo ha causato il “blackout”. Ora per fortuna risulta tutto nuovamente attivo.

Fedwire è il sistema per il regolamento lordo in tempo reale del denaro delle banche centrali, utilizzato per regolare elettronicamente i pagamenti in USD tra i suoi membri. Si tratta di un’enorme rete per l’elaborazione dei pagamenti tra le banche associate e le altre istituzioni che vi prendono parte, come filiali americane di banche estere, istituti finanziari di deposito ed altri. A gennaio 2019 questo sistema ha elaborato transazioni dell’ordine di 2.800 miliardi di dollari su base giornaliera.

D’altro canto, invece, la rete di Bitcoin ha un uptime superiore al 99,98% fin dagli inizi, nel 2009. Infatti, sebbene il valore complessivamente spostato sulla rete Bitcoin è enormemente inferiore rispetto a quello di un sistema come Fedwire, la sua architettura decentralizzata la rende estremamente resiliente, tanto che è rarissimo che possa andare offline o riscontrare problemi di sospensione o blocco delle attività.

Al contrario, i sistemi centralizzati corrono sempre il rischio di avere maggiori tempi di inattività, come già accaduto in passato ad esempio anche a Visa e Wells Fargo. Infatti, i “punti di fallimento” di una rete centralizzata sono troppo pochi ed in molti casi sono addirittura singoli: una volta andati offline, tutta la rete va offline.

In un sistema decentralizzato invece i punti di fallimento sono, o possono essere, molti: ad esempio, Bitcoin conta oramai più di 10.000 nodi, ed è estremamente difficile che possano saltare tutti, contemporaneamente. È per questo che per oltre il 99,98% del tempo la rete Bitcoin è online e perfettamente funzionante.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.