Il Consultancy Service TATA utilizza RippleNet
Blockchain

Il Consultancy Service TATA utilizza RippleNet

By Alfredo de Candia - 9 Apr 2019

Chevron down

La più importante azienda indiana che fornisce servizi di IT in India, TATA Consultancy Service (TCS), ha recentemente rivelato di star utilizzando la tecnologia dei laboratori Ripple, RippleNet.

Read this article in the English version here.

La compagnia sta utilizzando RippleNet, sistema che permette di collegarsi e fare transazioni con un network di oltre 200 banche, per potenziare l’efficienza delle proprie rimesse estere internazionali, ovvero i trasferimenti unilaterali di denaro verso l’estero.

In un comunicato stampa di TATA si spiega anche il motivo per cui hanno deciso di usare RippleNet: come si legge, infatti, i pagamenti tradizionali coinvolgevano costi elevati per le transazioni e ritardi, nonché poca trasparenza sulle singole transazioni.

Inoltre, RippleNet ha introdotto una soluzione, Quartz, che permette alle banche di connettersi con le nuove infrastrutture basate su blockchain per processare pagamenti “cross-border” di rimesse estere. Quartz, infatti, collega il sistema di pagamento TCS BaNCS (con oltre 1 miliardo di account) alla piattaforma RippleNet basata su blockchain utilizzando apposite API.

TCS di recente aveva annunciato l’obiettivo di utilizzare il cloud di Microsoft, Azure e le tecnologie legate alla blockchain di R3, per cercare di sviluppare una piattaforma dove soluzioni scalabili possono essere velocemente sviluppate per i bisogni dell’industria.

Ripple e INATBA insieme a Swift

Di recente Ripple è entrata anche a far parte dell’associazione INATBA insieme al suo competitor Swift.

INATBA è un’iniziativa europea fondata a Bruxelles che ha lo scopo di facilitare l’utilizzo e l’adozione delle tecnologie blockchain cercando anche di portare ad una corretta regolamentazione del settore crypto.

Tra le altre aziende che hanno deciso di entrare in INATBA vi sono operatori di grande importanza quali Barclays, BBVA, Accenture, ConsenSys, l’Oreal, Bitfury, R3, Ledger e anche IOTA.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.