Bitcoin su TD Ameritrade, la conferma di Charlie Lee
Bitcoin

Bitcoin su TD Ameritrade, la conferma di Charlie Lee

By Fabio Lugano - 24 Apr 2019

Chevron down

TD Ameritrade, il maggiore sistema di trading USA, sta testando la vendita di bitcoin e litecoin sulla propria piattaforma. La notizia, confermata da Charlie Lee, è stata riportata da un utente di Twitter, Cryptopolis, che sarebbe riuscito ad acquistare un bitcoin sul Nasdaq attraverso la propria piattaforma TD Ameritrade.

Read this article in the English version here.

La notizia sarebbe stata in seguito ridimensionata dall’assistenza clienti della piattaforma di trading che prima non avrebbe ben compreso quanto accaduto, chiedendo addirittura informazioni sul trade e negando la sua effettuazione, quindi avrebbe contattato l’utente comunicandogli che la sua transazione era solo sulla carta e che faceva parte di un test in corso da parte dei broker e del Nasdaq.

Quindi, Cryptopolis ha effettivamente acquistato un BTC, ma solo a livello di test interno, senza che l’operazione sia finita sul mercato.

Comunque, si tratta di una notizia estremamente rilevante perché conferma lo stato dell’arte e l’intenzione reale da parte delle grandi società di trading di entrare nel settore delle valute virtuali. Questa notizia è stata poi ripresa anche da Charlie Lee, founder di Litecoin, su Twitter, in un messaggio in cui ha mostrato come anche LTC fosse presente sulla piattaforma di trading.

Chiaramente la possibilità di acquistare e vendere le valute virtuali sulle normali piattaforme di trading, attraverso un mercato ampio e regolato quale il Nasdaq, aprirebbe delle prospettive completamente diverse per le valute virtuali, con la possibilità di una crescita importante come strumento di investimento.

Allo stesso tempo, come mettono anche in luce altri commentatori, rimarrebbe ancora irrisolto il problema della consegna fisica della criptovaluta, elemento che è di facile ed immediata esecuzione negli exchange dedicati, ma che appare ancora complesso in un mercato come il Nasdaq.

Vi sarebbe quindi ancora bisogno di accordi per il deposito e la consegna tramite sistemi di storage esterni che, per quanto esistenti, aggiungerebbero un passaggio che non è necessario, allo stato attuale, sui crypto exchange. Solo la consegna fisica immediata sarà in grado di equiparare il Nasdaq agli echange di crypto asset già esistenti.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.