banner
L’exchange Coinbase banna Milo Yiannopoulos
L’exchange Coinbase banna Milo Yiannopoulos
Criptovalute

L’exchange Coinbase banna Milo Yiannopoulos

By Alfredo de Candia - 6 Mag 2019

Chevron down

L’exchange Coinbase, ha recentemente bannato un suo utente dalla sua piattaforma, Milo Yiannopoulos, tre dopo minuti dalla sua iscrizione.

Read this article in the English version here.

Dopo solo 3 minuti dalla verifica dell’email, Milo avrebbe ricevuto la notifica della chiusura del suo account, facendo dedurre che Coinbase potrebbe avere una lista nera di nominativi, passata molto probabilmente dal governo americano. Nomi che sono scomodi sotto diversi aspetti.

Ad inizio mese anche gli account Facebook, Instagram e Twitter di Milo Yiannopoulos sono stati rimossi. Yiannopoulos è infatti esponente dell’alt-right, movimento americano di estrema destra, sessista e razzista nonché collaboratore del sito Breitbart News.

Coinbase potrebbe avere seguito gli altri big del mondo social e deciso di bloccare preventivamente un canale finanziario che Yiannopoulos avrebbe potuto usare per iniziative poco chiare.

La questione fa emergere anche come gli USA sono molto repressivi nei confronti della libertà di stampa battendo persino l’Italia: gli USA si trovano infatti al 48° posto, mentre l’Italia si trova al 43° posto. La Svizzera, invece, è nella top ten al 6° posto.

In questi casi è difficile schierarsi da una parte o dall’altra perché ci sono situazioni in cui limitare la libertà di alcune persone con ideali estremisti potrebbe giovare all’intera comunità, ma qui il discorso è un altro e riguarda se questi colossi hanno il potere per farlo autonomamente oppure si devono adeguare alle leggi e quindi muoversi solo su richiesta di uno Stato specifico.

Con l’incremento dei social network e di piattaforme simili gli utenti hanno delegato un potere enorme sia in termini di privacy sia in termini di sicurezza ed è difficile per uno Stato imporsi. Inoltre, trovare un rimedio, una soluzione o una sanzione idonea non è nemmeno compito semplice per il regolatore.

Così, si può solo constatare che il sistema gira ancora intorno ad un mondo centralizzato.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.