Analisi Bitcoin: il calo influenza tutto il mercato
Trading

Analisi Bitcoin: il calo influenza tutto il mercato

By Federico Izzi - 17 Mag 2019

Chevron down

L’analisi del calo di bitcoin (BTC) delle scorse ore vede la causa principale in un “dito pesante” – un fat finger in gergo – o in un possibile bot impazzito che durante la notte ha inoltrato un ordine da 6.000 bitcoin sull’exchange Bitstamp. Questo, in circa 20 minuti, ha generato il panico e, con un forte movimento ribassista, ha spinto il prezzo di bitcoin a scendere di oltre il 20%, da 8.000 dollari a 6.600 dollari.

Read this article in the English version here.

Il tutto si è riflesso poi nei minuti successivi sugli altri exchange e, a valanga, sugli ordini che entravano in automatico e su tutto il resto del settore che da oggi oscilla in deciso territorio negativo, con ribassi per la maggior parte delle coin di oltre il 10%.

È il caso di bitcoin che scende di circa il 10%, ma anche di Ethereum, Ripple, Litecoin, Cardano, Tron, Monero, Dash, Bitcoin SV, Bitcoin Cash, tutte in calo di almeno il 15%, così come Stellar che tra le big 20 è quella che accusa il movimento ribassista più gravoso.

Fonte: COIN360.com

In una giornata così negativa oltre il 90% delle criptovalute è in rosso. Poche quelle che si distinguono al rialzo. Tra le più conosciute ci sono Cosmos (ATOM) e Chainlink (LINK) e Crypto.com Chain (CRO) che riescono a mantenersi degnamente sopra la parità con rialzi compresi tra 3 e 6%.

Nonostante il deciso calo di questo venerdì 17, di solito giorno infausto per il settore finanziario, la settimana si avvia a chiudersi con un saldo positivo per tutte le principali criptovalute. Per trovare il primo saldo rosso settimanale bisogna scendere alla 48° posizione con un saldo negativo di -4% per Bytecoin (BCN).

Mentre i maggiori rialzi della settimana sono stati messi a segno da ETH (+36%), Binance Coin (+27%), bitcoin che sino a ieri riusciva a mantenersi sopra il 30%. Il ribasso delle ultime ore porta BTC ad un saldo settimanale di +15%.

Il ribasso incide sulla capitalizzazione del mercato che scende sotto i 225 miliardi di dollari perdendo oltre 26 miliardi dalla giornata di ieri. Bitcoin conferma la quota di mercato di ieri, poco oltre il 56%. Mentre invece il ribasso delle ultime ore incide sul market cap di Ethereum che va a testare l’11% così come Ripple che scende nuovamente poco sotto la soglia del 7%.

Grafico bitcoin by Tradingview

Analisi Bitcoin (BTC): il calo di oggi

Bitcoin dopo aver segnato i suoi massimi degli ultimi 10 mesi a 8.350 dollari, fa retromarcia con un deciso movimento ribassista riportandosi a testare la soglia dei 7.000 dollari. Fortunatamente i volumi al ribasso non indicano particolare panico ma bisognerà capire come si evolverà il fine settimana e se l’evento della notte sarà occasione per tornare ad acquistare in ottica di medio periodo oppure un indizio di una fase ribassista che arriva dopo il deciso movimento che sta caratterizzando BTC dai primi giorni di aprile, con un rialzo che ha raddoppiato le quotazioni in soli 45 giorni.

I livelli di supporto che vanno monitorati con attenzione sono i 6.200 dollari e successivamente la soglia critica dei 5.500 dollari, che in caso di violazione andrebbe a rovinare la costruzione del ciclo bimestrale: qualcosa che non si vedeva dall’autunno 2017.

Grafico Ethereum by Tradingview

Analisi Ethereum (ETH)

Ethereum ha aggiornato i massimi degli ultimi mesi e le quotazioni in area 280 dollari, livelli che non si vedevano dallo scorso settembre 2018, il ritracciamento di queste ultime ore porta a testare e cercare di creare una base di consolidamento a 230 dollari.

Un movimento ribassista ha spazio per andare nuovamente a testare l’ex soglia di resistenza psicologica dei 200 dollari. Ethereum tornerà a preoccupare ed annullare quanto fatto nell’ultima settimana con un ribasso che si estendesse oltre i 180 dollari. Sopra questo livello c’è ampio margine di movimento dei prezzi e quindi bisogna continuare a prestare attenzione alla volatilità che potrebbe caratterizzare questo fine settimana.

Ascolta qui il podcast di Federico Izzi in collaborazione con Fintech24:

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.