Nuove prove sull’identità di Satoshi Nakamoto?
Bitcoin

Nuove prove sull’identità di Satoshi Nakamoto?

By Alfredo de Candia - 5 Giu 2019

Chevron down

Quando si ha a che fare con la ricerca dell’identità di Satoshi Nakamoto ci si imbatte sempre in storie fantastiche, leggende e miti ottime per la realizzazione di un film, ma mai prove fisiche e tangibili che possano quanto meno restringere il campo delle ricerche sulla sua persona.

Read this article in the English version here.

Questa volta però ci sono troppi elementi, o troppe coincidenze, che lasciano trasparire almeno un piccolo dubbio sull’identità del famoso inventore della blockchain di Bitcoin. Stiamo parlando di Paul Solotshi Calder Le Roux, un uomo di 46 anni, criminale in galera dal 2012.

identita satoshi nakamoto

Solotoshi è il creatore del programma di crittografia E4M e successivamente del programma open source TrueCrypt, programma che in molti sostengono essere usato da parte di Satoshi Nakamoto per bloccare 1 milione di Bitcoin.

Inoltre, altra coincidenza interessante è che il suo nome lo troviamo anche in un documento governativo riguardo a Craig Wright, in particolare nel documento 187, dove si può leggere chiaramente il suo nome.

La storia si complica intorno al 2012 quando il protagonista è stato coinvolto in un traffico di droga e armi e, in Brasile per fare affari con un cartello colombiano, è stato incastrato dagli agenti della DEA sotto copertura. Così sarebbe stato attirato in Liberia, dove gli agenti lo hanno potuto estradare negli USA e lì Solotshi avrebbe scelto di collaborare con le autorità.

Analizzando il contenuto e il linguaggio usato nei suoi post online, si è anche trovata una certa similitudine rispetto ai commenti di Satoshi Nakamoto, dettaglio che non passa inosservato.

Probabilmente si tratta solo di coincidenze, ma di sicuro la storia sull’identità misteriosa di Satoshi Nakamoto fa sempre molto discutere.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.