A Malta Cryptonomist ha intervistato sia il fondatore, Larry Sanger, sia il CEO, Theodor Forselius, dell’enciclopedia decentralizzata chiamata Everipedia.

Read this article in the English version here.

Qual è l’obiettivo principale di Everipedia nel lungo termine?

Essenzialmente lo scopo è quello di creare la migliore enciclopedia del mondo, e direi che l’obiettivo della rete è quello di organizzare tutte le informazioni enciclopediche del mondo in un’unica rete decentralizzata e gratuita.

Stiamo cercando di realizzare la base di conoscenza più universale del mondo e non credo che dovrebbe essere vista come un gioco a somma zero tra noi, Wikipedia o altri concorrenti, ci consideriamo complementari a Wikipedia. Possiamo iniziare da dove Wikipedia si è fermato, un po’ come quello che all’inizio ha fatto Wikipedia con Encyclopedia Britannica. E quindi penso che c’è un mondo dove sia noi che Wikipedia possiamo esistere, ma vogliamo avere più articoli di Wikipedia e una base di conoscenze molto più ampia.

Come si adatta Everipedia alla politica e ad alcune leggi sulla parità di trattamento, il diritto di espressione e la censura? Come viene controllato il contenuto?

Da un lato, abbiamo un processo democratico in cui tutte le modifiche sono approvate o meno dai detentori di token. Nell’attuale fase di sviluppo, fornisce una sorta di supervisione, e in una fase successiva, il nostro obiettivo è quello di avere eventualmente un sistema di rating che permetterà alle persone di identificare le informazioni su se stessi, verificabili o meno da altri utenti, permettendo agli utenti di poter valutare gli articoli. Ci saranno diversi articoli in tutta la rete su ogni argomento, e sarà possibile visualizzare diverse classifiche a seconda dei diversi pregiudizi politici, religiosi e nazionali. C’è ancora molto di più da dire, è un tema molto vasto.

Per quanto riguarda i contributi alla piattaforma e l’utente finale, quale vantaggio reale ha rispetto a Wikipedia, considerando che l’utente medio non ha nemmeno un account EOS o un portafoglio?

Per quanto riguarda l’utilizzo di una blockchain per costruire un’enciclopedia, un ulteriore grande vantaggio è che non incentiva solo il lavoro su Everipedia.org, che è solo un sito web. Fondamentalmente, la creazione di un token all’interno dell’enciclopedia incentiva il contributo ad un’intera rete di enciclopedie, articoli enciclopedici e contributori, e come spesso mi piace dire, stiamo cercando di creare il layer enciclopedico di internet nello stesso modo in cui la blogosfera è il layer blog di internet definito dallo standard RSS, quindi intendiamo creare gli standard di informazione enciclopedica sostanzialmente definiti dai nostri smart contracts. Abbiamo già discusso con altre enciclopedie che sono molto interessate a mettere i loro contenuti nella rete IQ e questo è un bene perché darà all’umanità un modo per contribuire alla più grande collezione di articoli enciclopedici senza dover trattare con la community di Wikipedia, che fa appello solo a un piccolo gruppo di persone che sono potenzialmente interessate a lavorare su un’enciclopedia.

In Europa, dove è attualmente in vigore il GDPR sulla privacy degli utenti, come gestisce Everipedia i casi in cui la legislazione deve essere applicata, esistono misure per evitare di violare inavvertitamente la legislazione?

Stiamo rivedendo la nostra politica sulla privacy in questo momento, i nostri avvocati la stanno esaminando, io personalmente mi sto interessando molto a questo argomento e ovviamente rispetteremo la privacy degli utenti e di fatto andremo oltre i requisiti del GDPR.

Perché avete deciso di utilizzare la blockchain di EOS?

EOS è più veloce di Ethereum. La prima dApp ad alto contenuto è Steemit e si basa su Ethereum, e EOS ha appena la capacità di elaborare molte più transazioni al secondo perché è Proof of Stake. In pratica, alla fine abbiamo utilizzato un modello che è simile al modello Steem, e che finora sembra funzionare bene. Andiamo d’accordo anche con i dirigenti, i quali ci hanno aiutato molto nello sviluppo su EOS. I principi di Block.one insieme a Mike Novogratz di Galaxy Digital, sono alla base della raccolta fondi da 30 milioni di dollari che abbiamo fatto l’anno scorso, per cui a loro piace il nostro lavoro e a noi piace EOS.

Pensi che quest’anno, o forse il prossimo sarà quello finale per arrivare all’adozione di massa delle criptovalute? In termini di pagamenti o altre applicazioni?

Non sono la persona migliore alla quale chiederlo. Il mio punto di vista è che le crypto potrebbero diventare delle valute, ma sono soprattutto uno strumento di investimento e di pagamento, quindi potrebbe essere facilmente immaginato come una sorta di crypto pay, come Apple Pay e Android Pay, e altri sistemi simili, penso che un tale sistema potrebbe effettivamente finire per essere la prima grande valuta per i consumatori utilizzata come applicazione di pagamento.

Penso che vedremo i primi due esempi di adozione di massa di blockchain e criptovalute nel 2019/2020 – nei prossimi 1/1,5 anni di sicuro – specialmente con Facebook che sviluppa GlobalCoin che è la loro crypto nativa. Importanti player come questi stanno entrando nel settore e Amazon sta iniziando ad accettare le criptovalute, il che mi fa pensare che l’adozione sta sicuramente arrivando, presto vedremo i primi esempi di un grande numero di persone che effettivamente le usano per davvero. Speriamo anche che con Everipedia saremo in grado di creare un precedente con la nuova piattaforma che stiamo lanciando, perché durante la sua realizzazione non pensavamo a come renderla migliore di altri progetti blockchain, ma cercavamo di fare qualcosa che fosse oggettivamente migliore di qualsiasi altro concorrente sul mercato, sia che siano centralizzati o decentralizzati, e ci siamo davvero impegnati a fare in modo che le persone senza esperienza tecnica o interesse in blockchain o qualcosa di simile, possano effettivamente utilizzare la piattaforma come enciclopedia online proprio come farebbero con Wikipedia. Penso che questo sarà un vero e proprio cambio di gioco, è allora che si potrà veramente raggiungere l’adozione di massa sul mercato, non solo con Everipedia ma con la blockchain in generale. Questo succederà quando verranno eliminati tutti gli aspetti tecnici e sarà davvero facile da usare e capire per le persone normali e gli utenti di internet che non sono interessati alla tecnologia, ma vogliono solo i benefici.