Blocksyte ha annunciato che la tracciabilità dell’olio extra vergine dell’azienda italiana Caroli avverrà su blockchain.

Read this article in the English version here.

Blocksyte, azienda fondata nel 2018 con un quartier generale a Nashua, nel New Hampshire, offre un SaaS (Software as a Service) basato su blockchain ed è specializzata nel settore food tra cui è membro della IFMA (International Foodservice Manufacturers Association), 

Blocksyte ha così introdotto, insieme all’azienda Antica Masseria Caroli di Martina Franca operante dal 1976 e che negli ultimi anni esporta anche in America, la tracciabilità end-to-end dell’olio sulla blockchain per il trasporto dall’Italia all’America, monitorando in tempo reale la posizione, la temperatura, l’umidità e l’esposizione alla luce per avere un controllo ottimale delle condizioni del prodotto durante il tragitto.

Il CEO di Caroli USA, Ben D’Antico, ha spiegato: 

“We are excited to use blockchain to monitor our olive oil from the production facility through customs clearance and into our warehouses. This ensures that our customers can be confident that they are paying for and receiving a premium product, which has been tracked from the bottling source”.

Il tracciamento su blockchain sarà reso possibile grazie a dei sensori IoT (Internet of Things) che riescono a monitorare i suddetti parametri in maniera automatica e precisa, consentendo di vedere se ci sono anomalie di genere.

Il CEO di Blocksyte, Alan Pelz-Sharpe, ha spiegato:

“We applaud Caroli for its forward-looking approach to introducing Blocksyte’s blockchain traceability into its supply chain. We look forward to expanding our relationship with the company as its increases its shipments to a growing clientele here in the US”.

Inoltre, in futuro le due aziende integreranno un’etichetta con alcune informazioni del prodotto come la provenienza, la data di imbottigliamento e la data di spedizione.

Previous articleZcash: cambiamenti nel futuro della blockchain
Next articleJPMorgan Chase: al via il testing della criptovaluta JPM Coin
Alfredo de Candia
Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.