banner
Bitcoin sorpassa i 75mila dollari su LocalBitcoins nello Zimbabwe
Bitcoin sorpassa i 75mila dollari su LocalBitcoins nello Zimbabwe
Bitcoin

Bitcoin sorpassa i 75mila dollari su LocalBitcoins nello Zimbabwe

By Michele Porta - 1 Lug 2019

Chevron down

Come riferito da diversi media locali, il divieto totale di utilizzo di valuta straniera nello stato africano dello Zimbabwe ha innescato un’enorme corsa al bitcoin (BTC), tanto che il prezzo sulla nota piattaforma LocalBitcoins ha sorpassato i 75mila dollari per token. Si tratta di un’inflazione di quasi il 600% rispetto al prezzo attuale.

Read this article in the English version here.

Perché lo Zimbabwe sceglie bitcoin

A partire dalla scorsa settimana, il governo del Paese ha deciso di interrompere le transazioni in dollaro USA e di reintrodurre il dollaro dello Zimbabwe, che era totalmente scomparso nel 2008 a causa di una fortissima inflazione.

Lo Zimbabwe nel 2017 mise ufficialmente al bando le criptovalute, vietandone la circolazione all’interno del proprio stato. L’unica modalità in cui i cittadini possono entrare in possesso di bitcoin (BTC) è tuttora attraverso scambi P2P, come ad esempio con la nota piattaforma LocalBitcoins.

Già a quel tempo, anche a causa dei problemi economici, il prezzo su LocalBitcoins si impennò notevolmente garantendo enormi profitti ai venditori.

Prezzo di oltre 76mila dollari per bitcoin(BTC) su localbitcoins nello Zimbabwe

Il CEO di Azte.co, Akin Fernandez, attraverso un tweet si è posto contro le decisioni del governo locale, ribadendo che il denaro è un servizio che dovrebbe essere fornito esclusivamente dal mercato e mai dallo Stato.

Volumi in aumento per le piattaforme P2P

Nonostante i dati per lo scambio di Bitcoin dello Zimbabwe non siano disponibili, secondo le statistiche provenienti da Coin Dance, i volumi globali di LocalBitcoins hanno raggiunto nuovi record.

Anche l’exchange decentralizzato Bisq (ex Bitsquare) ha fatto registrare un notevole aumento degli scambi. Nei sette giorni precedenti il 29 giugno ha registrato volumi per oltre 10,7 milioni di dollari, abbattendo il precedente record della scorsa settimana pari a 6,1 milioni.

Non solo lo Zimbabwe si trova in una situazione difficile. Ad esempio, anche il Venezuela a causa della iperinflazione della propria moneta sta sempre più ponendo la propria fiducia nelle criptovalute. Anche nello stato sudamericano si utilizzano piattaforme di scambio peer to peer come LocalBitcoins.

Michele Porta
Michele Porta

Ingegnere informatico. Da sempre appassionato di tecnologia, hardware e software. Entra nel mondo delle criptovalute negli ultimi anni imparando a fare trading e studiando gli aspetti tecnologici e implementativi delle principali crypto sul mercato. Spera in un futuro privo di contanti e basato sulla sicurezza garantita dalla blockchain.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.