LG ha intenzione di espandere ulteriormente le proprie iniziative blockchain
Blockchain

LG ha intenzione di espandere ulteriormente le proprie iniziative blockchain

By Stefano Cavalli - 10 Lug 2019

Chevron down

Pochi giorni fa, il colosso sud coreano dell’elettronica di consumo, LG, ha presentato una domanda per un nuovo marchio, in cui viene descritto un e-wallet che potrebbe riguardare il mondo delle criptovalute.

Read this article in the English version here.

Inoltre, LG CNS, la sussidiaria IT dell’azienda, ha annunciato che aggiungerà servizi di distribuzione alimentare alla propria blockchain Monachain.

Blockchain per il food

Attraverso una partnership con il fornitore di servizi IT SayIT, LG intende monitorare il cibo servito nelle mense scolastiche coreane.

Il servizio fornirà un accesso trasparente ai dati di “produzione, lavorazione, distribuzione, acquisizione e consumo” per i prodotti agricoli.

L’azienda ha dichiarato che l’iniziativa è mirata a migliorare la salute degli studenti e collaborerà con i governi locali per rendere tutti i dati disponibili al pubblico.

LG CNS ha dichiarato:

“L’aumento della trasparenza è mirato ad aiutare i genitori a proteggere la salute dei loro figli”.

LG non è nuova al mondo crypto ed ha testato con successo numerose applicazioni blockchain negli ultimi due anni.

Da aprile, l’azienda sta costruendo una piattaforma incentrata su blockchain per il monitoraggio del riciclo delle batterie usate nelle auto elettriche a Jeju Island.

L’azienda ha avviato un progetto pilota a settembre per un servizio mobile di pagamenti internazionali basato su blockchain attraverso il proprio gestore di telefonia mobile LG Uplus.

A giugno, LG ha firmato con la società farmaceutica Celltrion e UnionBank per il consiglio della blockchain Klaytn, lanciata dal gigante della messaggistica sudcoreana Kakao.

E-wallet in arrivo?

ThinQ Wallet, registrato presso l’ufficio marchi e brevetti degli Stati Uniti, fornirà servizi di transazione e di intermediazione per dispositivi elettronici, inclusi smartphone e computer.

ThinQ è un marchio attualmente utilizzato da LG per indicare prodotti integrati con l’intelligenza artificiale.

La registrazione elenca anche casi d’uso di blockchain, criptovaluta ed “emissione di cyber money”. La maggior parte delle applicazioni elencate però riguarda ancora i tradizionali servizi bancari o di credito.

Stefano Cavalli
Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.