Halving di Litecoin (LTC) avvenuto con successo: tutti i dettagli
Altcoin

Halving di Litecoin (LTC) avvenuto con successo: tutti i dettagli

By Emanuele Pagliari - 5 Ago 2019

Chevron down

Pochi minuti fa è avvenuto finalmente il famoso halving di Litecoin (LTC), che ha comportato il dimezzamento del premio per ciascun blocco minato destinato ai miner. Previsto inizialmente per il 6 agosto 2019, nelle ultime settimane la data dell’halving è stata anticipata alla data odierna a causa del crescente hashrate del network di litecoin che ha contributo ad accorciare significativamente il tempo medio per blocco. L’halving era fissato al blocco 1.680.000.

Read this article in the English version here.

Il tempo medio per blocco di litecoin, infatti, è di solito impostato a 2 minuti e mezzo, ma nelle ultime settimane e mesi le repentine crescite dell’hashrate della rete hanno abbassato momentaneamente il block time sino ai 2 minuti e 10 secondi, riuscendo nel complesso ad anticipare di quasi un giorno la data dell’halving prevista lo scorso maggio 2019.

Con l’ultimo blocco minato prima del dimezzamento del reward sono stati emessi in circolazione il 75% dei litecoin totali disponibili, pari 63 milioni su un massimo di 84 milioni di LTC.

Halving di Litecoin avvenuto: inflazione dimezzata

Una delle migliori conseguenza dell’halving è sicuramente la riduzione dell’inflazione, causata dal dimezzamento della quantità di nuove monete coniate dai miner. Prima dell’halving, infatti, per ogni blocco minato e validato i miner vincenti ricevevano 25 LTC che, moltiplicati per una media di 576 blocchi validati ogni giorni, significavano ben 14.400 nuovi litecoin emessi quotidianamente.

Al prezzo corrente di 103 dollari per LTC, litecoin aveva dunque un’inflazione giornaliera di ben 1.4 milioni di dollari, pari ad un tasso annuale dell’8.7%, ben superiore a quello di bitcoin ed altre monete.

Con il premio per blocco dimezzato, l’inflazione giornaliera e dunque annuale è stata dimezzata, scendendo al 4,35% circa. Ogni giorno a partire da oggi, dunque, verranno coniate solamente 7.200 monete rispetto alle 14.400 precedenti, diminuendo drasticamente il numero di monete emesse dai miner sul mercato.

Un’inflazione ridotta ha sempre comportato un effetto benefico sul prezzo in ottica lungo termine, complice il calo dell’offerta piuttosto significativo. Molto dipenderà da cosa accadrà ai mercati nei prossimi mesi, motivo per cui è assai difficile fare una previsione affidabile.

Litecoin: cosa accadrà all’hashrate?

L’halving di Litecoin è un meccanismo intrinseco e codificato nel protocollo di LTC – così come per bitcoin – in quanto avviene senza nessuna azione da parte dei miner e della community, come invece accade per i fork di upgrade delle blockchain.

Durante un fork, infatti, tutti i nodi devono aggiornarsi alle nuove release, in cui  sono state codificate le novità dell’update del protocollo ed il blocco in cui avverrà il chain split, così che i miner ed i nodi possano rimanere sincronizzati sulla giusta blockchain.

La principale conseguenza di un halving è il dimezzamento del premio per blocco e dunque delle monete prodotte. Se per l’utilizzatore della moneta, così come per i trader, cambia relativamente poco, per i miner si tratta di un dimezzamento dei propri guadagni. Nelle prossime settimane, dunque, si potrebbe assistere ad un marcato calo dell’hashrate della rete di Litecoin, dovuto ai miner che passeranno su altre monete per via dei bassi introiti offerti da LTC.

Molto dipenderà da come si comporterà il prezzo della moneta. Teoricamente per rimanere sufficientemente remunerativa per buona parte dei miner, LTC dovrebbe subire una corposa impennata del proprio prezzo, così da compensare l’emissione dimezzata. In pratica però come sempre il prezzo verrà deciso dal mercato, che a sua volta, in questo particolare caso, si ripercuoterà sull’hashrate della rete, visto che deciderà le sorti per un buon gruppo di miner.

Per ora la rete è praticamente prossima al massimo hashrate, non troppo lontana dal picco record toccato a metà del mese di luglio, quando il network ha registrato un hashrate massimo di 523 TH/s, superando i precedenti record del mese di giugno.

Andrà monitorata la situazione che si verrà a creare nei prossimi giorni e settimane, dove prezzo ed hashrate della moneta dovranno trovare il corretto equilibrio per non penalizzare troppo i miner.

Il prezzo vola a 106 dollari, registrando un +16%

Pochi minuti dopo l’halving il prezzo di Litecoin ha subito una vera e propria impennata, andano a toccare i 106.77 dollari, per poi subire un primo ritracciamento.

Considenrando che alle ore 11 di stamattina il prezzo oscillava attorno ai 95 dollari, Litecoin ha subito un rapida crescità del 16%, sfondando la fatidica quota dei 100 dollari.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.