Bitcoin a 12’000$ su Kraken ma si tratta di un bug
Bitcoin

Bitcoin a 12’000$ su Kraken ma si tratta di un bug

By Matteo Gatti - 15 Set 2019

Chevron down

Sull’exchange di criptovalute Kraken si è verificato un bug che ha consentito ad alcuni utenti di acquistare bitcoin (BTC) a 8’000$ mentre altri sono riusciti a vendere a 12’000$. La coppia XBT/USD ha quindi fatto registrare un takeaway di ben 2’000$ rispetto al reale valore di mercato.

Kraken è uno degli exchange più famosi ed utilizzati al mondo. La piattaforma si sta espandendo molto sul mercato. Ha recentemente acquisito la startup Crypto Facilities che gestisce una piattaforma regolata di trading con i futures. E’ supportato attivamente dai big del settore come Money Partners Group, Blockchain Capital e Digital Currency Group. L’azienda negli anni si è espansa acquistando Cryptowatch, Coinsetter e Clevercoin, tre dei maggiori hub mondiali di informazioni e di scambio delle criptovalute.

Bug su Kraken, bitcoin a 12’000$

L’incidente è stato confermato da Kraken su Twitter.

Il bug si è verificato durante la fase di test di una nuova tipologia di ordine non ancora disponibile per tutti. Si è trattato di un cosiddetto matching bug, gli ordini sono stati matchati con il lato sbagliato dell’order book. Questo bug ha attivato gli stop loss che sono stati eseguiti correttamente al miglior valore di mercato.

L’azienda è stata criticata per questa grave situazione ma il CEO Jesse Powell si è difeso dicendo che l’azienda effettua migliaia di ore di test e la ricerca di bug fa parte del processo di perfezionamento degli algoritmi ma, nonostante gli sforzi, è impossibile trovarli tutti.

“Quindi, poiché un bug viene scoperto in un ambiente di sviluppo in beta, significa che non effettuiamo test? I nostri nuovi tipi di ordine vengono sottoposti a migliaia di test, automatici e non, per diversi mesi prima di essere usati dai clienti.”

I trader più fortunati potranno mantenere il denaro ottenuto vendendo a 12.000$ o i bitcoin comprati a 8.000$ mentre i beta tester che hanno subito delle perdite verranno rimborsati.

Matteo Gatti
Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Segue con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrive anche di Linux su LFFL.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.