Le più comuni truffe crypto non usano la tecnologia. Come evitarle?
Criptovalute

Le più comuni truffe crypto non usano la tecnologia. Come evitarle?

By Giorgi Mikhelidze - 16 Set 2019

Chevron down

A volte sembra ridondante fare articoli come questi che cercano di spiegare le truffe con le crypto alle persone che continuano a cascarci in pieno. O non leggono abbastanza materiale online o sono troppo facilmente influenzati dalle tattiche usate dai truffatori.

Le criptovalute, dal momento della loro ascesa al successo, sono diventate un nuovo strumento per gli scammer al fine di truffare le loro vittime dei loro soldi duramente guadagnati. Una volta le truffe provenivano solitamente da call center tramite quali si cercava di convincere le persone che avevano tasse non versate, pagamenti di prestiti o varie altre menzogne per indurle a sborsare in qualche modo.

Tuttavia, i truffatori crypto hanno dovuto trovare un modo completamente diverso per legittimarsi in qualche modo agli occhi di operatori sia esperti che inesperti. Uno di questi metodi era quello di utilizzare le facce di celebrità nelle loro promozioni sui social media come Facebook o anche su Instagram.

Pagine completamente nuove possono pubblicare un’immagine o un testo, specificando come sono supportate da personaggi famosi. I truffatori internazionali optavano per grandi nomi come Bill Gates o Jeff Bezos, mentre i piccoli scammer sceglievano solo celebrità rilevanti per il paese che stavano cercando di truffare.

Come evitare truffe crypto?

Le persone che hanno sentito parlare dei rischi delle criptovalute e che hanno visto molti perdere la maggior parte dei loro risparmi di una vita a causa di investimenti o di gestione del rischio inadeguati, credono che l’intera tecnologia è progettata per truffare le persone dei loro soldi.

Tuttavia, una volta che vedono un volto familiare, una persona che ha già avuto successo ed ha realizzato profitti su una piattaforma con cui non hanno una reale connessione, viene innescata una sorta di affidabilità verso la piattaforma.

Un esempio è il caso in cui un’azienda fraudolenta stava conducendo una campagna negli Emirati Arabi Uniti utilizzando il principe ereditario come ambasciatore del proprio brand. Affermavano che il principe era il loro cliente di lunga data e che ha generato milioni con loro.

Casi simili si possono trovare in Australia, dove i truffatori usavano il nome di un attore popolare come fonte di fiducia. L’attore era Hugh Jackman, che in seguito ha dichiarato apertamente le intenzioni malevoli della società Bitcoin Loophole.

Ma a prescindere da ciò che un truffatore può dire, i trader esperti saranno sempre in grado di identificarli per qualcosa che vale la pena evitare. Tanto più se usano una celebrità del tutto casuale come ambasciatore del proprio marchio.

La persona più comune ad essere utilizzata per queste truffe è in realtà Bill Gates, visto che per qualche motivo il creatore di Windows è molto più affidabile di altri.

E se non fosse una truffa?

Esiste sempre la possibilità che la “truffa” non sia effettivamente una truffa. Il che è anche uno dei fattori che spingono le persone a dare un’occhiata prima di giudicare dalla copertina.

Uno dei modi migliori per evitare qualsiasi potenziale investimento disastroso, è quello di contattare le autorità competenti del paese in cui si trovano.

Se li contattate direttamente, aspettatevi di essere accolti da una persona piuttosto convincente che vi dirà praticamente tutto quello che vogliono farvi sentire piuttosto che quello che volete sentire. Queste persone sono “professionisti” nel convincere gli altri a versare soldi, quindi cercate di avere il minimo contatto possibile con loro.

Una volta che contattate le autorità, assicuratevi che esse confermino la registrazione di questa società, il loro processo di audit completato e una licenza per condurre servizi di investimento.

Se manca uno di questi elementi, è meglio evitarli completamente.

Per quanto possa essere spiacevole, la maggior parte delle criptovalute sono perse a causa di attacchi hacker sui vari exchange crypto, ma anche le truffe sugli investimenti sono una gran parte dell’equazione complessiva.

Se l’exchange che usate viene hackerato, in alcuni casi avrete almeno una garanzia di risarcimento da loro. Ma se si effettua un deposito con una società fraudolenta, è il momento di salutare i propri fondi. Questa è l’unica ragione per cui è importante tenere sempre gli occhi aperti ed evitare qualsiasi promozione dall’aspetto ambiguo sui social media.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.