Guida ai principali wallet bitcoin Lightning Network mobile
Bitcoin

Guida ai principali wallet bitcoin Lightning Network mobile

By Emanuele Pagliari - 22 Set 2019

Chevron down

Lightning Network è il second layer di bitcoin, una soluzione complessa che dovrebbe garantire la scalabilità di bitcoin. Sin dal debutto della testnet, avvenuto nel tardo 2017, diversi wallet bitcoin Lightning Network mobile per Android ed iOS sono stati resi disponibili.

In questi due anni sono stati rilasciati decine di wallet bitcoin Lightning Network, sia per PC, Mac e Linux, che per i device mobile basati su Android ed iOS.

Recentemente, inoltre, stanno facendo capolino anche alcuni web wallet, anche se spesso si tratta di custodial-wallet, dunque senza il pieno possesso e controllo delle chiavi private.

In questa raccolta verranno brevemente analizzati i principali wallet bitcoin Lightning Network destinati al mondo mobile, dunque per smartphone Android ed iOS.

Online sono disponibili diverse risorse che raccolgono i principali wallet disponibili, fra cui la seguente lista, che raccoglie proprio le soluzioni più diffuse.

Wallet bitcoin Lightning Network Mobile Android iOS

Su tale sito web, oltre ai nomi dei wallet con i link ai siti web ufficiali, viene anche indicato se si tratta o meno di progetti open source (con tanto di link al repository GitHub).

Viene poi riportato se è necessario possedere un vero e proprio full-node Lightning Network proprietario per il funzionamento o meno, se gli applicativi sono già stati rilasciati e se è disponibile una versione per la Mainnet o solamente per la Testnet.

Viene anche specificato se si tratta si soluzioni Custodial o Non-Custodial, un fattore molto importante per chi decide di archiviare ingenti quantità di fondi ed avere la piena sicurezza di possedere il controllo sui propri fondi. Non mancano ovviamente i link per effettuare il download, sia per la versione destinata agli smartphone Android, sia per i device iOS.

Wallet bitcoin Lightning Network mobile: le principali soluzioni

Eclair Wallet

Il più famoso è sicuramente Eclair Wallet, disponibile solamente per device Android al momento. E’ stato il primo wallet bitcoin Lightning Network a debuttare nel lontano marzo 2018 sui dispositivi mobile. E’ possibile scaricarlo sul Play Store di Google. E’ disponibile sia per la mainnet che per la testnet.

Si tratta di un classico wallet per bitcoin basato sulla release Eclair a cui è stato aggiunto il supporto al Lightning Network per effettuare pagamenti. Di default, il wallet è abilitato solo per effettuare pagamenti, ma scorrendo nelle impostazioni è possibile anche ricevere pagamenti tramite Lightning Network.

In tal caso, come riportato dall’app, occorre obbligatoriamente connettere il proprio smartphone e sincronizzare il wallet almeno una volta ogni 10 giorni, la massimo due settimane. Ciò serve a garantire il rispetto dei blocchi temporali ed aggiornamenti di stato predisposti dal protocollo Lightning Network.

Il wallet integra la parte relativa alla gestione dei canali, alla chiusura ed apertura, nonché per il pagamento, oltre a tutta una serie di funzionalità aggiuntive per utenti esperti. Tuttavia, l’interfaccia è molto piacevole e carina. Ovviamente è completamente open source e non richiede un nodo proprietario per funzionare. Ciò significa però che il wallet in sé opera come un client connesso ad un nodo in remoto.

Bitcoin Lightning Network

Un altro wallet molto interessante per gli smartphone Android in quanto, a differenza di Eclair, non è un semplice client che si connette ad un nodo remoto, ma integra un vero e proprio nodo SPV bitcoin specifico per Lightning Network. E’ scaricabile sul Play Store al seguente link.

Non ha un’interfaccia accattivante come Eclair, ma è più completo di quest’ultimo ed offre tutto il necessario per ricevere ed effettuare pagamenti sfruttando Lightning Network. Come Eclair, anch’esso è completamente open source e non-custodial.

Zap Wallet

Passando ai wallet presenti anche per device iOS, una delle soluzioni più interessanti è sicuramente Zap Wallet, disponibile in versione beta sull’Apple Store per gli smartphone di Apple e sul Google Play Store per quelli Android.

A differenza degli altri, Zap Wallet necessità di un nodo locale proprietario eseguito su un proprio device perennemente connesso alla rete per funzionare. In sostanza, dunque, si tratta di un client da connettere al proprio nodo Lightning Network in esecuzione su un device perennemente in rete.

Zap permette sia di effettuare che ricevere pagamenti sfruttando Lightning Network. Per il funzionamento, l’installazione e per la creazione di un proprio nodo Lightning Network è possibile consultare la pagina ufficiale di Zap Wallet. Zap è completamente Open Source e Non-Custodial.

Blue Wallet

Si tratta di un wallet disponibile sia per device iOS che Android. A differenza delle soluzioni viste sino ad ora, è un wallet open source di tipo custodial, dunque senza consentire all’utente l’accesso alle proprie chiavi private. 

E’ possibile scaricarlo sul Play Store di Google per i device Android e sull’Apple Store per quelli iOS. Per gli utenti iOS, inoltre, vi è anche la possibilità di utilizzare Blue Wallet direttamente dall’Apple Watch, dato che l’apposito applicativo mobile è in grado di rendere lo smart watch di Apple una vera e propria estensione del wallet per ricevere in maniera rapida pagamenti.

Breez & Lightning Peach

Sono due wallet bitcoin Lightning Network mobile disponibili sia per device iOS che Android, aventi entrambi caratteristiche molto simili. Entrambi infatti, sono completamente open source, non-custodial e non necessitano di alcun nodo LN proprietario per funzionare.

In realtà Peach, durante la fase di creazione del wallet, illustra passo dopo passo all’utente come creare un nodo LN proprietario sfruttando il cloud gratuito di Google. Offre inoltre la possibilità di collegarsi ad un proprio nodo o ad un nodo a scelta fidato, consentendo all’utente il massimo controllo.

D’altro canto Breez, invece, offre un’interessante soluzione da affiancare al proprio wallet LN. La startup, infatti, ha intenzione di creare una carta di credito in grado di sfruttare l’omonimo wallet LN per effettuare pagamenti. In questo modo, gli utenti potranno spendere i propri bitcoin per le compere quotidiane limitando al minimo le spese per le commissioni, dato che le transazioni su LN vantano fee quasi nulle.

Per maggiori dettagli è possibile consultare il sito web di Breez e di Peach.

Lightning Labs Wallet

Non poteva ovviamente mancare il wallet di Lightning Labs, annunciato lo scorso giugno 2019 ed attualmente in fase di beta testing, sia per i device iOS che Android.

Si tratta ovviamente di un wallet open source e non-custodial, in grado sia di connettersi ad un proprio nodo NL che ad una serie di nodi fidati.

Per tutti i dettagli è possibile consultare il sito web ufficiale.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.