banner
Ripple: “Non siamo qui per rimpiazzare le banche. Siamo diversi da Libra”
Ripple: “Non siamo qui per rimpiazzare le banche. Siamo diversi da Libra”
Blockchain

Ripple: “Non siamo qui per rimpiazzare le banche. Siamo diversi da Libra”

By Amelia Tomasicchio - 26 Set 2019

Chevron down

Durante l’evento Blockchain Live che si è tenuto ieri – 25 settembre – a Londra abbiamo assistito ad un panel intitolato “Blockchain for cross border payments” con Lisa Biesenbach, esperta di customer journery per DLT a ING, Anthony Macey, Direttore delle tecnologie emergenti a Barcley, e ultimo ma non ultimo Nadeem Ladki, Direttore del Business Development a Ripple.

Attualmente la blockchain non è così ampiamente usata per i pagamenti transfrontalieri, ma Biesenbach è piuttosto sicura che lo sarà:

“Stiamo studiando la blockchain da molti anni. Se una società nei Paesi Bassi che vuole inviare denaro negli Stati Uniti, è molto complicato e richiede molto tempo e con alcuni rischi. Cerchiamo di facilitare i pagamenti attraverso la blockchain in modo regolamentato, avendo questa sicurezza possiamo avere una soluzione più veloce per i pagamenti transfrontalieri. Ma in questo momento la percentuale di pagamenti transfrontalieri effettuati attraverso la blockchain è bassa perché la tecnologia è nuova e dobbiamo ancora capire molte cose, ad esempio per quanto riguarda la regolamentazione”.

Macey, invece, non è della stessa opinione:

Attualmente lo 0%, forse 1%, di tutti i pagamenti transfrontalieri sono sulla blockchain”.

Inoltre, parlando in generale, Barclays non è sembrato molto amichevole nei confronti di blockchain e crypto.

“Non tutte le persone vogliono essere la propria banca. È rischioso. Quanta proprietà vuoi avere? Come individuo, se qualcosa va storto dovrai affrontare molti problemi. È un mucchio di sciocchezze. Se non hai intermediari, può essere rischioso. Quindi forse devi avere terze parti per evitare problemi “,

ha detto Macey, chiudendo il suo discorso dicendo che:

l’applicazione killer per le criptovalute sono transazioni illegali “,

anche se ha ammesso che non è l’unica applicazione.

Dal suo canto, Ladki ha poi spiegato:

“Ripple Labs si sta concentrando molto sui pagamenti transfrontalieri perché pensiamo che sia un caso d’uso importante. Ed è quello che stiamo facendo con MoneyGram, per esempio. Siamo molto eccitati per i prossimi 2-3 anni. E’ un mercato da 7 miliardi e pensiamo che il 20-30% si sposterà tramite blockchain”.

Inoltre, lo speech è stata l’ennesima buona occasione per ricordare che “XRP non è una security”, dopo i mille problemi che Ripple sta avendo con la SEC a causa di qualche investitore poco contento.

Inevitabile è stata poi la domanda su Libra, e Ladki ha spiegato quanto questa sia diversa dal lavoro che stanno facendo con Ripple:

“Non credo che stiamo facendo la stessa cosa. Vogliono lanciare una nuova valuta di riserva legale. Sono molto ambiziosi per risolvere i problemi per i cosiddetti unbanked. Invece, Ripple non è qui per sostituire le banche ma per migliorarle, per lavorarci insieme. Non cerchiamo di eliminare i regolatori. Libra vuole iniziare una nuova valuta senza il coinvolgimento del governo. Noi invece siamo regolati e vogliamo seguire la regolamentazione. Se ci riescono va bene, siamo solo complementari “

Inoltre, un altro punto di vista importante è stato quello secondo cui l’utente finale non ha necessariamente bisogno di sapere cos’è la blockchain o come funziona.

“Alla fine della giornata, al cliente non importa se usi la blockchain. Devono solo migliorare la loro esperienza “,

ha spiegato Biesenbach di ING.

“La blockchain può migliorare l’esperienza dell’utente evitando commissioni e transazioni lente. I clienti saranno felici e non devono necessariamente sapere come funziona. Il vero obiettivo è risolvere il problema”.

 

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.