BitTorrent File System: la mainnet è online
BitTorrent File System: la mainnet è online
Blockchain

BitTorrent File System: la mainnet è online

By Alfredo de Candia - 1 Ott 2019

Chevron down

Poche ora fa Justin Sun, CEO di Tron e di BitTorrent, ha comunicato su Twitter che la mainnet di BitTorrent File System (BTFS) è ora online.

Il nuovo protocollo, che sarà integrato nel più famoso BitTorrent, era in test già da diverso tempo ed adesso è disponibile per tutti. BTFS vanta già oltre 3000 nuovi nodi, portando la rete di BitTorrent ad essere ancora più scalabile e decentralizzata per quanto riguarda lo storage.

Tra le caratteristiche del BitTorrent File System c’è anche la possibilità di cancellare i file e le cartelle dai nodi locali degli utenti direttamente da linea di comando e di inizializzare un nodo BTFS tramite chiave privata, seed tramite BIP39, oppure una frase seed dedicata.

Uno dei vantaggi di questo protocollo è quello di disporre di un sistema decentralizzato per il controllo dei server e quindi di avere un vantaggio in termini di sicurezza e affidabilità dato che si possono così evitare interruzioni o attacchi DoS (Denial-of-Service).

Come leggiamo nel comunicato, entro la fine dell’anno anche i token BTT saranno integrati, a poco a poco, nel sistema BitTorrent File System, prevedendo un sistema di incentivi per usare il prodotto e quindi permettere agli utenti di guadagnare i token. 

All’host (colui che conserverà i file sul proprio hard drive) sarà garantito un incentivo in token BTT. Questa è già da diversi mesi una delle funzioni disponibili per il programma BitTorrent Speed, permettendo così di sfruttare la base di utenti di oltre 100 milioni della rete di BitTorrent e quindi diffondere BTFS in maniera più capillare e repentina.

Il programma è reperibile qui e per il momento è disponibile solo la versione per Windows, anche se in futuro è previsto il rilascio anche di una versione per Mac e mobile.

Sun tempo fa aveva anche rivelato che questo programma porterà molti utenti ad interfacciarsi alle crypto in quanto tutti avranno all’inizio 10 BTT token nel proprio wallet.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.