Revolut: gli highlight per il 2019
Fintech

Revolut: gli highlight per il 2019

By Marco Cavicchioli - 1 Ott 2019

Chevron down

Revolut ha reso noti i risultati economici del 2018 e gli highlight per il 2019. 

L’anno scorso infatti ha fatto registrare un incremento dei ricavi del 354%, portando il fatturato a a 58,2 milioni di sterline (71 milioni di dollari), contro i 12,8 del 2017, ed un incremento degli utenti Premium del 157%. 

In questa fase di crescita il conto economico è stato ancora in perdita per 32,8 milioni di sterline, al netto delle tasse, a causa dei continui investimenti per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi, come ad esempio il servizio Metal. 

I principali costi aziendali diretti risultano essere le carte, i costi di acquiring e di acquisizione di nuovi utenti. 

Highlight per l’anno 2019 

Per il 2019 è prevista un’ulteriore triplicazione dei ricavi, che potrebbero pertanto superare abbondantemente le 150 milioni di sterline, ovvero avvicinandosi ai 200 milioni di dollari americani. 

Non sono state rese note le previsioni riguardo agli utili, ma il margine lordo nel secondo semestre 2019 dovrebbe crescere fino al 40-50%, rispetto a meno del 10% nel secondo semestre dell’anno scorso. 

L’azienda a tal proposito fa sapere che nel corso dell’anno è stato ottenuto un efficientamento dei costi grazie anche ad un aumento sostanziale della base utenti e dei volumi delle transazioni.  

Ad oggi, la base utenti è salita ad oltre 7 milioni di persone, con un incremento di oltre 800.000 unità fatto registrare sia ad agosto che a settembre. Sono già quasi duplicati rispetto all’anno scorso, mentre rispetto al 2017 sono aumentati di quasi sette volte. 

Di questi in media 3,7 milioni sono attivi almeno una volta al mese, mentre 1,1 milioni risultano attivi in media ogni giorno. 

Inoltre, dal momento del lancio, nel 2015, il volume totale delle transazioni fatte registrare sulla piattaforma di Revolut supera ormai gli 85 miliardi di dollari. 

Grazie a questi numeri il Sunday Times Tech Track 100 ha indicato Revolut come la tech company privata con la crescita più rapida in Gran Bretagna. 

Nik Storonsky, CEO di Revolut, ha dichiarato:

“La fine del 2018 sembra essere molto lontana e questi dati sono un importante trampolino di lancio per una crescita sostenuta. Il balzo dei ricavi e del numero degli utenti dall’inizio del 2019 dimostrano che la ragione per cui abbiamo lanciato questo business continua a rivelarsi corretta: identificare i problemi irrisolti che molti di noi hanno con la gestione del denaro e risolverli. Siamo davvero orgogliosi dei risultati raggiunti finora ed è magnifico vedere i nostri utenti utilizzare Revolut per le loro necessità finanziarie quotidiane.

Il 2019 è destinato a essere un altro anno di crescita record, ma il nostro lavoro non è ancora terminato perché vogliamo raggiungere tutte le persone che hanno bisogno della nostra soluzione. Ciò significa mantenere i nostri ambiziosi piani di crescita ed espansione, che sono supportati dai solidi miglioramenti in termini di profittabilità e dai nuovi manager che stiamo assumendo”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.