Coinbase Pro: ufficializzata la nuova struttura delle fee
Criptovalute

Coinbase Pro: ufficializzata la nuova struttura delle fee

By Matteo Gatti - 3 Ott 2019

Chevron down

Coinbase Pro sarà più caro per i trader che spostano poco denaro. A partire dal prossimo 7 ottobre 2019 alle 5:00 pm PT, ovvero le 2 di notte di martedì 8 in Italia, entrerà in vigore la nuova struttura delle fee.

Coinbase Pro è forse la piattaforma per il trading di criptovalute più famosa al mondo, soprattutto per i neofiti delle crypto. La facilità di utilizzo e il suo stretto collegamento con Coinbase lo rendono uno strumento molto comodo per muovere i primi passi nel mondo del trading.

Come si legge nel comunicato ufficiale, queste modifiche sono volte ad aumentare la profondità e la liquidità dei mercati puntando soprattutto ai trader di alto livello. Infatti, pur essendo il punto di partenza per molti nuovi investitori, non viene assolutamente snobbato dagli investitori istituzionali che rappresentano ben il 60% dei volumi complessivi.

Coinbase Pro: nuova struttura delle fee

Per rispondere alle esigenze degli utenti Coinbase periodicamente aggiorna la struttura delle tasse. Prima dell’aggiornamento la novità viene comunicata ai trader.

Questo nuovo aggiornamento aumenterà le commissioni per chi ha bassi volumi e ridurrà le commissioni per i clienti con volumi elevati: qualsiasi cliente che effettui transazioni superiori per un totale complessivo superiore a 50.000$ al mese vedrà una riduzione delle proprie commissioni di trading o nessuna modifica.

L’aggiornamento introduce tre nuovi livelli (tier) sotto i 100.000$ al mese:

  • Fascia 1, tra 0$ e 10’000$: maker 0.50%, taker 0.50%;
  • Fascia 2, tra 10’000$ e 35’000$: maker 0.35%, taker 0.35%;
  • La terza fascia è tra 35’000$ e 50’00$: maker 0.15%, taker 0.25%.

Il volume nei 30 giorni viene mostrato nel pannello dell’account di Coinbase Pro.

Questa la vecchia struttura delle tasse:

coinbase pro vecchia struttura fee

Questa la nuova struttura delle tasse:

coinbase pro nuova struttura-fee

Chi sposta oltre 100M di dollari al mese potrà effettuare ordini maker gratuitamente. Chi muove tra 100 e 300 milioni di dollari al mese pagherà ora lo  0.07% (e non più lo 0.08%) per ordini taker. I trader che muovono tra 300 e 500 milioni di dollari al mese pagheranno ora lo 0.06% (e non più lo 0.07%) per ordini taker.

Chi muove tra 500 milioni e 1 miliardo di dollari al mese pagherà ora lo 0.05% (e non più lo 0.06%) per ordini taker. Chi sposta oltre 1 miliardo al mese pagherà ora lo 0.04% per ordini taker (e non più lo 0.05%).

Risulta evidente che Coinbase abbia voluto beneficiare gli investitori più importanti e che muovono grosse somme.

Matteo Gatti
Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Segue con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrive anche di Linux su LFFL.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.