Ricerca sul wash trading: il fenomeno continua a dilagare
Ricerca sul wash trading: il fenomeno continua a dilagare
Criptovalute

Ricerca sul wash trading: il fenomeno continua a dilagare

By Alfredo de Candia - 31 Ott 2019

Chevron down
Ascolta qui
download

Poche ore fa è stata pubblicata una nuova ricerca di TokenInsight riguardante il wash trading che, nell’ultimo mese, continua a dilagare.

Per effettuare la ricerca, TokenInsight ha analizzato diversi exchange per verificare appunto se effettuano questa tecnica poco legale. 

Il wash trading è una tecnica di manipolazione del mercato, per cui le piattaforme simultaneamente vendono e comprano molte crypto, e così facendo incrementano i volumi sugli exchange, apparendo agli occhi di terzi una valida piattaforma dove c’è molta attività e liquidità.

Questa ricerca ha analizzato ben 24 exchange, di cui solo 4 appaiono sinceri nel dichiarare i veri volumi delle proprie piattaforme; ben 10 exchange hanno invece falsificato i loro volumi fino al 70%, mentre i restanti 10 hanno falsificato meno del 50%:

  • > 90% di volumi reali – Coinbase Pro, Poloniex, Gemini e Bitstamp;
  • > 70% di volumi falsi – HitBTC, EXMO, MXC, Biki, Bgogo, Bibox, DragonEx, LBank, CoinEgg e CoinMex;
  • < 50% volumi falsi – Binance, Bitfinex, Bittrex, BitMax, DigiFinex, Gate.io, Huobi Global, KuCoin, OKEx e ZB.

Questo è il quadro sommario che è emerso dalla ricerca, quindi uno scenario molto preoccupante, visto che possiamo vedere come solo il 4,5 % degli exchange osservati sia stato onesto. 

I dati calcolati sono difficili da separare da quelli che sono i veri utenti che scambiano normalmente sulla piattaforma; inoltre bisogna anche fare i conti con i bot, molto utilizzati per il trading da parte degli investitori. 

A complicare la rilevazione, infine, c’è il fatto che anche gli exchange utilizzano sempre nuovi metodi per modificare i volumi, spiega il report, ed anche coloro che fanno le misurazioni possono cadere in trappola poiché le piattaforme hanno imparato a mascherare il wash trading.

Questo, forse, è uno dei motivi per cui gli exchange decentralizzati (DEX) stanno trovando sempre più consensi, visto che tutto è gestito in modo trasparente.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.