banner
Maduro: il Venezuela deve essere una crypto-nazione
Maduro: il Venezuela deve essere una crypto-nazione
Criptovalute

Maduro: il Venezuela deve essere una crypto-nazione

By Marco Cavicchioli - 8 Nov 2019

Chevron down

Il Presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha detto esplicitamente che il Paese deve essere trasformato in una crypto-nazione. 

Mercoledì infatti è intervenuto in una diretta televisiva dalla sede del Sunacrip, la Superintendenza Nazionale per le Criptovalute, presso la Banca Centrale del Venezuela (BCV), proprio per inaugurare il nuovo quartier generale del Petro. 

Maduro ha dichiarato che tutti devono partecipare all’economia digitale, affermando che sarebbero già 3 milioni i risparmiatori che hanno risposto alla sua chiamata per investire propri risparmi nella criptovaluta di Stato venezuelana. 

Inoltre, ha detto che i token Petro sarebbero già utilizzabili ovunque nel Paese, e nel mondo, per effettuare pagamenti per acquisti, hotel, biglietti aerei e qualsiasi altra cosa, utilizzando il relativo wallet per smartphone. 

Ci sarebbero già 200 punti vendita pronti ad utilizzare il sistema PetroPago, e 27.000 sportelli della Banca del Venezuela pronti a cambiare Bolivar in Petro. 

Ha anche dichiarato che il Venezuela sta costruendo “un’economia crypto” e sta facendo un gigantesco passo in avanti, visto che è il primo Paese al mondo ad avere una sua criptovaluta di Stato, basata su blockchain. 

In questi giorni il Presidente venezuelano è impegnato in una vera e propria campagna promozionale per l’utilizzo del Petro in Venezuela, tanto che questa non è stata l’unica apparizione televisiva in cui ha parlato della criptovaluta di Stato. 

Infatti è anche apparso per promuovere i Petro Shop e addirittura per promuovere l’utilizzo di wallet hardware come quello di Trezor. 

Sembra palese che Maduro stia tentando di convincere i cittadini venezuelani ad utilizzare i token Petro al posto degli iperinflazionati Bolivar, anche se ci sono dubbi sul fatto che la stessa sorte prima o poi non possa toccare anche alla nuova criptovaluta di Stato. 

Infatti non c’è modo di verificare con certezza quanti token Petro siano stati creati all’inizio e se ne siano stati creati altri in un secondo momento. Inoltre, non vi è alcuna garanzia che non ne possano essere emessi in quantità, a discrezione del Presidente o della Banca Centrale. 

In altre parole non vi è alcuna garanzia che i meccanismi perversi che hanno portato all’iperinflazione incontrollata del Bolivar non finiscano per creare problemi simili anche al Petro.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.