Google verso l’introduzione di conti correnti bancari
Fintech

Google verso l’introduzione di conti correnti bancari

By Marco Cavicchioli - 13 Nov 2019

Chevron down

Secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, Google potrebbe presto offrire anche conti correnti bancari. 

Infatti secondo il WSJ, Google sta lavorando con il colosso bancario Citigroup e con l’istituto di credito Stanford Federal Credit Union.

Il risultato di questa collaborazione sarebbe proprio l’aggiunta ai servizi offerti da Google quello di veri e propri conti correnti bancari, in collaborazione con la Citi Bank. 

Il progetto sarebbe stato chiamato Cache, e dovrebbe essere lanciato nel 2020. 

La notizia è stata ripresa anche da Business Insider, che aggiunge alcuni particolari. Google in questo modo potrebbe di fatto diventare una sorta di banca personale per i suoi utenti, anche se questi conti correnti saranno marchiati Citigroup. 

Alcuni rappresentanti di Citigroup hanno confermato l’esistenza di questo accordo. 

In precedenza il direttore generale e vicepresidente dei pagamenti di Google, Caesar Sengupta, aveva aveva detto al WSJ che l’azienda vuole offrire valore a consumatori, banche e commercianti, e che Google non venderà i dati finanziari dei conti correnti degli utenti. 

Ha dichiarato: 

“Il nostro approccio sarà di collaborare profondamente con le banche e il sistema finanziario. Potrebbe essere un percorso leggermente più lungo, ma è più sostenibile”. 

Il capo del settore bancario statunitense per i consumatori di Citigroup, Anand Selva, ha aggiunto che partnership come questa consentono alla banca di andare oltre alle filiali fisiche, per essere lì dove sono i clienti. 

Allo stato attuale non si hanno ulteriori dettagli né sul tipo di servizio che verrà offerto agli utenti, né sulle modalità. 

Quello che è certo però è che i giganti tech si stanno sempre più orientando verso l’aggiunta alla loro offerta di servizi finanziari. 

La prima è stata Amazon, nel 2007, con Amazon Pay. Anche Google qualche anno fa lanciò Google Wallet, seguito poi da Google Pay, ma per ora pare senza grandi successi. 

Grande successo ha avuto invece in Cina WeChat Pay, tanto da spingere poi anche Samsung ed Apple a fornire servizi simili. L’ultima arrivata è Facebook, che vorrebbe lanciare Libra nel 2020, mentre a breve dovrebbe rilasciare Facebook Pay.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.