Il rimborso di IRS sulle tasse crypto: un gesto gentile o una trappola?
Regolamentazione

Il rimborso di IRS sulle tasse crypto: un gesto gentile o una trappola?

By Giorgi Mikhelidze - 18 Nov 2019

Chevron down

Secondo i rapporti, l’Internal Revenue Service degli Stati Uniti d’America ha effettuato un rimborso agli investitori crypto che hanno pagato le tasse in modo adeguato. Un esempio specifico è un uomo che è stato rimborsato di $ 3900, i quali erano stati versati durante i primi avvisi dell’IRS a metà agosto.

L’IRS aveva inviato lettere ai cittadini americani, sostenendo che dovevano pagare tasse sufficienti sugli asset crypto che avevano in loro possesso in quel momento. Molti investitori crypto credevano che il governo non avesse assolutamente accesso ai loro wallet e quindi non hanno dichiarato le tasse, ritenendo che non sarebbero stati rintracciati.

Pare che la loro scommessa sia stata corretta, in quanto non c’è quasi nessun modo in cui il governo possa potenzialmente conoscere l’esistenza di criptovalute su cold wallet.

Molti credono che questo rimborso delle tasse sulle crypto sia stato un gesto gentile da parte dell’IRS, “premiando” i cittadini che hanno rispettato le regole e dichiarato l’importo corretto per le tasse dovute sulle criptovalute. 

Tuttavia, molti esperti crypto ritengono che questa non sia altro che una trappola per identificare il maggior numero possibile di titolari di crypto per la futura tassazione. Come molti hanno accennato, quello che hanno fatto con il primo mese di tasse è stato utile per far pagare in futuro tasse da una comunità più grande. 

Un parallelo con le campagne di marketing

Molti esperti hanno detto che questo “gentile gesto” dell’Internal Revenue Service ricorda le campagne di marketing di diverse aziende, dove hanno cercato di identificare il comportamento dei clienti offrendo loro prodotti gratuitamente.

Un esempio che è venuto fuori è stato XM Bonus, che era un regalo monetario per i clienti trader per determinare quale fosse la strategia del trader medio e quale percentuale della base trader stava effettivamente ottenendo un profitto.

Secondo gli esperti, questi rimborsi delle tasse già versate all’IRS sono una mossa di PR per mettere in buona luce un’organizzazione governativa agli occhi degli investitori crypto. Come sappiamo già, la maggior parte degli investitori crypto tendono ad affidarsi a un mercato più decentralizzato e deregolamentato rispetto a qualsiasi altro investitore.

Rimborso crypto: un motivo nascosto?

Diversi consulenti fiscali crypto hanno usato il loro Twitter per informare gli investitori crypto sui motivi potenziali dietro questi rimborsi

Come già accennato, non esiste un modo legittimo in cui il governo può determinare il numero di beni in possesso di un investitore specifico.

Ciò significa che anche se gli investitori presentassero importi falsi, il governo non avrebbe modo di saperlo, li classificherebbero semplicemente come detentori di bitcoin.

Questo rimborso fiscale potrebbe essere una strategia per classificare ulteriormente questi detentori di bitcoin: market maker, grandi/piccoli titolari, e così via.

Anche se sembra abbastanza drastico in superficie, potrebbe essere un’iniziativa relativamente vantaggiosa. È probabile che, una volta terminata la classificazione, l’IRS applicherà leggi fiscali diverse per i diversi detentori. 

Con un rimborso di circa 3500 dollari, l’IRS sta segnalando alla crypto community che possono avere tutti i loro beni legittimati e averli restituiti subito dopo.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.