Teck Chia, Binance: “La blockchain è compatibile con la regolamentazione”
Interviste

Teck Chia, Binance: “La blockchain è compatibile con la regolamentazione”

By Marco Cavicchioli - 24 Nov 2019

Chevron down

Durante la Crypto Coinference 2019 di Milano, Cryptonomist ha intervistato Teck Chia di Binance X. 

Binance X è l’iniziativa del celebre exchange dedicata agli sviluppatori e durante l’evento milanese ha parlato in particolare di exchange decentralizzati e di blockchain. 

Quante persone attualmente utilizzano Binance DEX, ricordando che l’exchange decentralizzato di Binance è online solo da pochi mesi?

“Non ho il numero esatto, ed è comunque difficile da dire, perché lo si utilizza con il proprio client, e quindi non c’è nessun account. Quindi non si sa quale sia il numero delle persone che lo utilizza, ma è possibile osservare il numero di transazioni sulla blockchain con l’explorer, in modo perlomeno da vedere di persona quante transazioni ci sono e quanti sono gli indirizzi univoci attivi”. 

Al momento della scrittura di questo articolo in totale su Binance Chain risulterebbero essere registrati 316.656 indirizzi unici, con 38.138.278 transazioni, ma in queste sono comprese anche quelle relative agli scambi di BNB o altri token di tipo BEP2. 

“I DEX in generale sono sicuramente più difficili da usare rispetto agli scambi centralizzati, ed hanno una liquidità inferiore. Naturalmente siamo ancora ai primi passi in questa evoluzione crypto. Penso che ci vorrà del tempo prima che le persone si abituino. Penso però che in futuro accadrà. Probabilmente ci sarà un mondo in cui coesistono insieme scambi decentralizzati e scambi centralizzati, perché le persone preferiscono l’una o l’altra soluzione per scopi diversi”. 

Non si sono già troppi token in circolazione?

“Non penso che siano troppe. Penso che sia sempre salutare avere molti diversi tipi di innovazioni in questo settore e, ovviamente, molti falliranno, mentre alcuni avranno successo. Ma c’è bisogno che molti tentativi per vedere dove vanno  finire. Questo è rilevante anche al di fuori del settore crypto, perché c’è bisogno di molte persone diverse che provano idee diverse per far emergere quelle buone e farle funzionare. Quindi penso che sia salutare realizzare molti progetti. Vedremo fallimenti e successi, ma l’importante è che le persone continuino a cercare di innovare”. 

Ma che ne pensa Teck Chia dei rapporto tra i regolatori e l’utilizzo delle criptovalute?

“I regolatori esistono per proteggere gli utenti e i diritti costituzionali. Penso che le criptovalute siano sicure perché quando fai una transazione sulla blockchain le cose sono trasparenti e verificabili. Quindi penso che ciò sia molto compatibile con la regolamentazione, visto che le criptovalute vogliono fornire anche trasparenza e sicurezza. 

La maggior parte dei DEX sono aperti, e chiunque può entrare e ispezionare ciò che sta succedendo. Quindi devono solo trovare modi diversi per regolarli”.

Quali sono le possibilità che riserva Binance Chain alle startup?

“Binance Chain è una catena pubblica. In questo momento è gestita da un insieme selezionato di nodi, ma potenzialmente potremmo aprirci a chiunque con un qualche tipo di modello di governance”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.