Travala e Booking.com insieme per il turismo
Travala e Booking.com insieme per il turismo
Criptovalute

Travala e Booking.com insieme per il turismo

By Alfredo de Candia - 25 Nov 2019

Chevron down

Travala ha comunicato ufficialmente di aver stretto una partnership strategica con Booking.com, il gigante delle prenotazioni fondato nel 1996 ad Amsterdam e quotato in borsa (NASDAQ: BKNG),  

Travala, nel corso dell’ultimo anno, si è dimostrato essere il principale attore del settore crypto legato alle prenotazioni di hotel grazie all’integrazione di diverse crypto come metodo di pagamento, frutto di partnership mirate proprio ad incrementare l’adozione delle criptovalute.

Inoltre, Travala ha integrato anche un servizio di staking con il suo token AVA, che permette agli holder di ricevere sconti sulle prenotazioni, riducendo i costi anche rispetto ai competitor tradizionali.

Come si legge dal comunicato sopra citato, con questa nuova importante partnership Travala ha integrato nella sua piattaforma gli asset di Booking, così gli utenti potranno visionare le offerte di Booking all’interno della stessa e pagare comodamente in crypto.

Prima di questa integrazione, Travala poteva già vantare 2 milioni di hotel tra cui gli utenti potevano scegliere, ma ora l’offerta si amplia agli ulteriori 230 paesi e 90,000 destinazioni in tutto il mondo.

Questo dimostra che il mondo tradizionale si sta muovendo per non rimanere indietro nella rivoluzione tecnologica dettata da crypto e blockchain, come ha spiegato il CEO di Travala, Matt Luczynski:

“Questa partnership permette ai nostri utenti di accedere agli annunci degli alloggi di Booking.com, così come a quelli di altri importanti provider di servizi turistici, il che rappresenta un fantastico caso d’uso del nostro token AVA e un altro enorme passo avanti verso l’adozione di massa delle criptovalute”.

Di recente Travala aveva stretto una partnership anche con Komodo e Stellar Lumens (XLM) per ampliare ancora di più l’offerta di metodi di pagamenti crypto della propria piattaforma; con l’exchange KuCoin e il relativo token (KCS), ma anche con numerose altre aziende e blockchain tra cui Waves, NEO, Tron (TRX) e molte altre ancora.

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.