La blockchain contro la crisi: nuovi posti di lavoro in Italia
La blockchain contro la crisi: nuovi posti di lavoro in Italia
Blockchain

La blockchain contro la crisi: nuovi posti di lavoro in Italia

By Amelia Tomasicchio - 9 Dic 2019

Chevron down

La fuga di cervelli in Italia è un fenomeno sicuramente in crescita: solo nel 2017 oltre 60mila diplomati e laureati hanno deciso di lasciare lo stivale e trovare lavoro fuori dal Paese. Infatti, è sicuramente un problema trovare lavoro in Italia, mantenendo un tenore di vita alto e avendo buone condizioni lavorative in regola.

La nascita delle nuove tecnologie tra cui la blockchain a volte spaventa poiché si pensa erroneamente che queste toglieranno lavoro invece che creare nuove opportunità professionali. Ma non è così. Infatti, la blockchain sta già oggi creando nuovi posti di lavoro.

Solo a novembre, grazie ad un corso organizzato da PDC Academy all’interno della Blockchain Month Venice, ben 16 giovani hanno trovato lavoro in questo settore. Il corso blockchain, non ancora finito, ha ben 117 corsisti, di cui il 10% ha già trovato lavoro senza aver ancora terminato le 120 ore di lezione.

In pratica, PDC Academy ha messo in contatto i corsisti per dare a questi la possibilità di mandare c.v. a migliaia di aziende grazie ad una partnership con la sede di Milano dell’agenzia di recruiting Page Personnel che ha già richiesto i nominativi di tutti i partecipanti che cercano lavoro per proporli alle proprie aziende clienti che ricercano proprio figure professionali in ambito blockchain.

I risultati del corso, in generale, completate sole due settimane su tre, sono sorprendenti.

Basandosi su 55 corsisti, su 117 totali, che stanno seguendo il programma live, 16 hanno scoperto come attuare la propria idea, 9 hanno intavolato collaborazioni aziendali e 7 hanno ricevuto una proposta lavorativa.

Italia e Blockchain

Più in generale, l’Italia è un Paese sicuramente vivo e attento al mondo blockchain. Per esempio, è stato il primo Paese a tradurre per intero il testo del whitepaper di Bitcoin ed è lo Stato con più attività commerciali per cittadino ad accettare criptovalute come metodi di pagamento.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.