Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Coinbase e Binance: i migliori strumenti per investire
Coinbase e Binance: i migliori strumenti per investire
Exchange

Coinbase e Binance: i migliori strumenti per investire

By Stefania Stimolo - 26 Dic 2019

Chevron down

Nella classifica dei crypto-exchange più popolari del web non possono mancare Coinbase Pro e Binance. Ecco una loro valutazione per confrontare quale tra i due strumenti è più in linea con le esigenze dell’investitore di crypto.  

In generale, Coinbase Pro nasce nel 2018 a seguito di un susseguirsi di modifiche che la piattaforma di base, la californiana Coinbase, nata invece nel 2015, ha eseguito nel tempo. 

Al contrario, Binance con la sua attuale sede a Malta, è stata invece creata nel 2017 lanciandosi fin da subito nel trading ma con dei limiti territoriali dovute a ragioni normative, che non hanno fermato la sua affermazione come principale crypto-exchange. 

A livello territoriale, visto che Coinbase è americana, Binance ha lanciato solo questo autunno Binance.US, un exchange separato dalla sua azienda madre per poter appunto servire direttamente gli utenti americani, seguendo le norme del territorio. 

Sotto quest’ottica, ecco invee i numeri che riportano le piattaforma di scambio. Secondo una classifica di Coingecko, è possibile affermare la supremazia di Binance in termini di volume di trading rispetto non solo a Coinbase Pro che si trova in nona posizione, ma a tutti gli altri crypto-exchange sul mercato. 

La situazione è differente se peró si volesse valutare i volumi di Binance US che si trova, infatti, alla 21esima posizione gestendo un volume medio giornaliero che si aggira intorno ai 10 milioni di dollari, al contrario dei 350 milioni di dollari giornalieri di Coinbase Pro. 

Un altro indice a confronto per i due crypto-exchange è la liquidità che equivale alla velocità con cui una crypto può essere acquistata o venduta senza influire sul suo prezzo. Ovviamente, gli exchange che possiedono un’elevata liquidità possono offrire un trading più veloce con prezzi migliori agli utenti. 

Un buono strumento per il calcolo della liquidità lo offre CryptoWatch che nella sua classifica attuale vede la principale piattaforma di crypto-trading Binance piazzarsi al quinto posto dopo esattamente BitMEX, Bitfinex, HitBTC e Kraken futures. 

Coinbase Pro si piazza all’ottava posizione con circa 15 milioni di liquidità di dollari americani, contro la 14esima Binance US con i suoi $ 4 milioni di liquidità. 

In merito, alle crypto supportate dalle piattaforme, invece, Coinbase Pro offre 54 coppie di trading per 23 monete contro le 582 coppie di trading per 78 monete del colosso di Binance. Ovviamente su Binance US l’offerta di crypto pairs è più ridotta (48 coppie di trading per 28 monete) ma comunque competitiva con l’americana Coinbase Pro. 

Un’altra importante differenza tra le piattaforme riguarda le commissioni di trading. Mentre in Binance US le fee partono da uno 0,1%, su Coinbase Pro le stesse partono dallo 0,5%

Certo che a tal proposito potrebbero esserci sconti e incentivi commerciali dedicati agli utenti che investono milioni di dollari, ma in linea generale gli investitori medi riescono comunque a mantenere in entrambi i casi commissioni decisamente basse. 

Infine, esistono anche delle similitudini tra Binance e Coinbase Pro come il fatto di essere entrambi dei crypto exchange centralizzati e che pertanto gestiscono le chiavi degli utenti diventandone i responsabili. 

In questo senso, è possibile anche confrontare il livello di sicurezza dei due exchange che hanno entrambi subìto nel tempo degli attacchi hacking. 

Binance è stato hackerato per $ 40 milioni a maggio, ma la società ha rapidamente recuperato le sue perdite senza causare danni agli utenti, mentre Coinbase è riuscito a bloccare un attacco phishing a giugno senza compromettere nessun account utente.  

Conclusione

In generale, sia su territorio americano o meno, le due piattaforme rispondono molto bene ai criteri di valutazione, sia in termini di volume di scambi sia in termini di liquidità proporzionale alla propria offerta di crypto-pairs. 

Naturalmente, Binance risulta essere a livello globale la principale piattaforma di crypto-trading, ma analizzando i territori con i limiti normativi per cui si è dovuto creare una piattaforma separata, la situazione cambia. 

Ecco perché Coinbase Pro e Binance US possono essere molto più competitivi tra loro sul territorio americano. In ogni caso, le due piattaforme rimangono diverse, con dei  propri punti di forza.

Sostanzialmente, si potrebbe definire Coinbase Pro come un exchange più maturo che offre limiti di trading più elevati. Binance US, invece, ha un background molto più globale e offre commissioni di trading più basse. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.