HomeCriptovaluteBitcoinBitcoin: inizio di una nuova bullrun nel 2020?

Bitcoin: inizio di una nuova bullrun nel 2020?

+30% in 15 giorni per bitcoin in questo 2020 appena iniziato: che si tratti di una nuova bullrun?

Siamo così abituati alle performance eclatanti del bitcoin da darle quasi per scontate: “just an ordinary day” per BTC.

bullrun bitcoin 2020

Eppure questa volta gli elementi a sostegno della bullrun a cui ora si sta assistendo sono molteplici per quanto, trattandosi del bitcoin, rientri sempre e ancora tutto nel campo della speculazione.  

La situazione è sicuramente di instabilità geopolitica, quella con la quale si è aperto il 2020; inoltre ci avviciniamo all’halving di maggio e le politiche monetarie sono fuori controllo e senza precedenti, mentre gli Stati stanno perpetuando in un sorta di spirale senza via d’uscita.

Insomma, per chi lo conosce bene bitcoin è il bitcoin e non ha bisogno di aiuto per regalare performance uniche anche se, come in questo caso, una mano in più non guasta. Ora però ci troviamo ad un bivio cruciale. I 9000 dollari rappresentano una soglia psicologica importante.  

I 10k sono molto vicini e tornare ad una valutazione a doppia cifra avrebbe molteplici risvolti positivi sia in termini mediatici che dal punto di vista dell’analisi tecnica.  

Ma i 9k sono anche una resistenza che noi trader ed investitori stiamo osservando con attenzione particolare. 

Rompere i 9000 $ e recuperare la MA 200D – ovvero la media mobile 200 periodi su time frame giornaliera – con una solida chiusura al di sopra rappresenterebbe un segnale bullish che aprirebbe con buona possibilità le porte ad una nuova bullrun, forse simile o maggiore a quella registrata nel 2017. 

bullrun bitcoin 2020

A sostegno di una tesi bullish c’è da dire che molte delle principali altcoin stanno reagendo bene ai dump che progressivamente si sono verificati nel bitcoin dopo l’impatto con la resistenza. Molte di esse sembrano infatti assorbire le fiat (euro, dollari e tutte le altre valute aventi corso legale) in uscita da bitcoin, regalando pump importanti non solo in dollari e euro ma anche in rapporto al BTC medesimo outperformandolo di conseguenza. 

Le condizioni per proseguire una bullrun che forse è solo all’inizio ci sono tutte. 

Come investitori e soprattutto come trader non è possibile però non tener conto che, senza la conferma importante di cui sopra, BTC resta in un limbo.  

Il rischio di essere rigettati dalla 200MA e dalla trendline discendente c’è e i bear faranno di tutto per tenere il prezzo al di sotto. In questo caso una rottura dei macro supporti superiori ci riporterebbe nel range di prezzo tra i 7000 e i 6000 dollari con conseguente incremento del rischio (sottolineo incremento del rischio, non certezza) di rottura dei minimi 6850 e 6400. 

Siamo davvero di fronte ad un bivio cruciale per il futuro del BTC. Non è solo una questione di prezzo, di bull o bear, ma di conferma definitiva di maturità di questo asset in vista dell’importante evento di maggio. 

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS