banner
Cardano avverte: stablecoin? Vi sconfiggeremo tutti
Cardano avverte: stablecoin? Vi sconfiggeremo tutti
Stable Coin

Cardano avverte: stablecoin? Vi sconfiggeremo tutti

By Lorenzo Dalvit - 12 Feb 2020

Chevron down

Charles Hoskinson, leader di Cardano, di recente ha dichiarato che presto la blockchain ospiterà una nuova stablecoin.

“Ho cominciato in questo settore con le stablecoin: per questo li sconfiggeremo tutti”.

Questo è stato il suo commento collegato al tweet di Weiss Crypto Rating, servizio della Weiss Ratings, azienda che assegna punteggi e analizza i mercati dal 1971. 

La Weiss opera da poco nel settore delle criptovalute. Basata in Florida, tiene monitorato il settore analizzando i progetti più interessanti e seguendo gli sviluppi dell’ecosistema.

Ed ecco come è venuta in contatto con alcuni rumors che vogliono una nuova stablecoin decentralizzata in produzione su Cardano.

La stablecoin Dai e il futuro di Cardano 

La stablecoin Dai ha rivoluzionato il settore da quando ha visto la luce, gli entusiasmi su Ethereum non hanno mai smesso di montare.

Grazie a questo smart contract e al lavoro di Maker Dao, stiamo vedendo crescere giorno dopo giorno nuovi modelli e sperimentazioni di quella che si sta presentando come la finanza del nuovo millennio.

Contrariamente a ciò che succede per i token come USDT, TUSD o USDC, DAI ambisce ad essere una forma di moneta digitale decentralizzata e stabile nel prezzo rapportato alle monete fiat.

Se gli USDT sono emessi da un’entità centrale, Dai è frutto di una Decentralized autonomous organization che ne regola il funzionamento in maniera trasparente seguendo le direttive del codice scritto nello smart contract di Ethereum.

Alcuni dettagli rendono questi strumenti ancora sperimentali e non del tutto privi di criticità. Ciò che importa è l’ondata di innovazione che stanno permettendo: sistemi di prestito, creazione di derivati e strumenti finanziari innovativi stanno sbocciando.

La parola d’ordine è: disintermediazione. 

Protette dal pericolo che un ente centrale rappresenta, ora le monete digitali decentralizzate assomigliano in tutto e per tutto ad un dollaro o ad un euro tradizionali ma, possono essere programmate a piacimento.

Charles Hoskinson e il suo gioiellino, Cardano, non possono che adeguarsi ed inseguire un trend ormai irrefrenabile. Per questo hanno bisogno di una stablecoin come Dai e sembra sia in fase di progettazione.

L’esperienza di Charles in Ethereum è nota, la sua collaborazione agli albori fu importante. CEO della Fondazione Ethereum per un breve periodo, ad un certo punto lasciò. 

Alcuni dicono che fu licenziato, altri che le sue idee erano incompatibili alla strada intrapresa da ETH. Certamente la sua visione dell’economia vicina alla scuola austriaca, non era in linea con una fondazione no profit.    

E’ lui stesso a dichiarare che:

“Molte persone dentro Ethereum mi odiano, dicono io sia un mostro.”

Ethereum founders

Ecco allora che Charles raccoglie il bisogno della cultura giapponese di essere rappresentata con un progetto blockchain e fonda Cardano grazie agli investitori d’oriente.

Una ICO da più di 95 milioni di dollari lo porta a rivedere alcuni concetti proponendo una proof of stake per quella che egli stesso descrive come una blockchain di terza generazione. 

La DeFi è certamente il settore di punta su cui orientare la propria attenzione e i rumors legati alla nuova stablecoin di Cardano ne sono la dimostrazione.

 

Avatar
Lorenzo Dalvit

Educatore appassionato di Blockchain, esperto di vendite e marketing, social community manager, direttore artistico, musicista, amante dei paradigmi dirompenti e della vita. Le mie competenze riguardano l'interazione e la connessione umana

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.