Ripple: Chris Larsen guarito dal Coronavirus
Ripple: Chris Larsen guarito dal Coronavirus
Blockchain

Ripple: Chris Larsen guarito dal Coronavirus

By Eleonora Spagnolo - 3 Apr 2020

Chevron down

Chris Larsen ha avuto il Coronavirus. Il cofondatore ed executive chairman di Ripple lo ha dichiarato con un post sul suo profilo Twitter con cui annuncia di essere guarito:

“Grazie a tutti coloro che combattono in prima linea per tenerci al sicuro. Sono veramente grato di annunciare che sono pienamente guarito dal Covid19. Se siete guariti dal virus, per favore prendete in considerazione l’idea di donare il sangue per aiutare il trapianto degli anticorpi”.

Il post è accompagnato da una foto che lo mostra proprio mentre dona il sangue, mentre il link rimanda ad un articolo della Croce Rossa che è un appello per incentivare la donazione di sangue e plasma.

In realtà, il sangue dei guariti da Coronavirus ha uno scopo ben preciso: iniettare gli anticorpi nei pazienti malati, con la speranza che possa aiutarli a sconfiggere la malattia, rafforzando il loro sistema immunitario.

Sotto il post sono arrivati numerosi commenti della comunità crypto, a partire da Justin Sun, che ha scritto:

“Stay strong, stay safe”.

Nel frattempo, David Schwartz, (CTO di Ripple) si è cimentato in una risposta tecnico-scientifica ad un utente che chiedeva se fosse sicuro donare il sangue dopo essere guariti dal virus. 

Decisamente sollevato il commento di Brad Garlinghouse, CEO di Ripple:

“Niente può tenere Chris Larsen giù per troppo tempo. Sono grato di chiamarti amico e collega. (e amo la maglietta di Ripple!)”

Il riferimento è alla t-shirt di Chris Larsen che richiama il simbolo di Ripple con tre cerchi che si incrociano. 

Il Coronavirus nel mondo delle criptovalute

Il Coronavirus non ha risparmiato il mondo delle criptovalute. Un primo caso si era registrato alla Eth CC Conference di Parigi, e riguardava Zhen Yu Yong, fondatore del wallet Torus. 

La pandemia negli Stati Uniti

Nel frattempo il Coronavirus da malattia è diventato pandemia. Dopo essersi largamente diffuso in Europa, sta ora colpendo molto duramente gli Stati Uniti e la città di New York. Al momento gli USA sono lo Stato con il maggior numero di vittime in un giorno (1.169 morti in 24 ore) e oltre 240.000 contagi.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.