I dati degli utenti di Email.it in vendita per Bitcoin
I dati degli utenti di Email.it in vendita per Bitcoin
Sicurezza

I dati degli utenti di Email.it in vendita per Bitcoin

By Alfredo de Candia - 7 Apr 2020

Chevron down

Il provider di Email.it ha subito un attacco e i dati dei suoi utenti, oltre 600mila, sono stati messi in vendita nel dark web in cambio di un pagamento in bitcoin (BTC).

La vicenda è più vecchia di quanto si possa immaginare: già nel lontano gennaio 2018 dei criminali riuscirono a recuperare i dati degli utenti dal datacenter di Email.it chiedendo un bounty per le informazioni recuperate a causa della falla messa in atto.

Il team della piattaforma non ha ceduto alle minacce e non ha pagato. Così i criminali hanno iniziato ad estorcere denaro per ottenere un pagamento e a quel punto il team ha denunciato il tutto alla polizia postale, che però pare non abbia ancora trovato i responsabili.

Il piano B dei criminali che accettano Bitcoin

Questo ha fatto partire il “piano b” dei criminali, decidendo di vendere i dati degli utenti sul dark web a fronte di pagamenti in bitcoin (BTC).

email.it data breach

Come vediamo dall’immagine, gli hacker hanno rubato diversi Terabyte di dati dalla piattaforma e ci sono diverse opzioni di acquisto che vanno da 0,5 BTC a 3 BTC per poter comprare tutto il materiale sottratto.

A detta di Email.it, questi dati sarebbero “solo” quelli degli utenti standard e non quelli degli utenti premium che si troverebbero invece in un database diverso e che sarebbero quindi attualmente al sicuro.

Come possiamo vedere, i criminali continuano a utilizzare le crypto, in questo caso bitcoin, anche e sappiamo che non è una moneta anonima e spesso altri criminali preferiscono invece soluzioni anonime come Monero.

Di recente, per esempio, alcuni hacker hanno inserito dei malware in una foto della cantante Taylor Swift al fine di installare virus nel pc degli utenti che decidevano di scaricare il file e minare illegalmente la crypto tramite i computer dei malcapitati.

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.