UE: 500 miliardi per la crisi da Coronavirus, lontani gli Eurobond
UE: 500 miliardi per la crisi da Coronavirus, lontani gli Eurobond
Regolamentazione

UE: 500 miliardi per la crisi da Coronavirus, lontani gli Eurobond

By Lorenzo Dalvit - 10 Apr 2020

Chevron down

Sulle manovre contro la crisi da Coronavirus l’eurogruppo ha trovato un’intesa, 500 miliardi dal MES senza condizionalità ma gli Eurobond sono sempre più lontani.

L’Olanda ritira le rigidità sui modelli di spesa e allontana dal nord lo spettro dei bond.

Il sogno dei paesi più in difficoltà – come Italia e Spagna – di accedere agli Eurobond, sta sfumando. 

Il MES è un meccanismo di stabilità europeo. Una volta attivato dovrebbe fornire assistenza finanziaria ai Paesi in difficoltà che trascinerebbero altrimenti l’intera area UE in una spirale negativa e pericolosa per la tenuta economica degli stati membri.

La Grecia ci è passata e, come abbiamo visto, il modello non è senza rischi o conseguenze. 

La soddisfazione dei Paese nordici come l’Olanda sembra in contrasto con quella degli esponenti politici italiani che si ritengono soddisfatti, ma nel ben Paese c’è chi è convinto che la strada intrapresa punti dritto verso una sconfitta politica e finanziaria colossale.

Eurobond cosa sono e perché sono sempre più lontani

Sono stati anche chiamati Coronabond, ma prima dell’emergere Covid19 erano definiti Eurobond, e raccontano di un’Europa molto disunita.

A differenza di un’azione, i bond, rappresentano solo un titolo di credito. Emessi da uno Stato, permettono di accedere a liquidità in cambio di un tasso di interesse sul prestito. Più il rischio di default (fallimento) è alto, più il tasso di interesse cresce.

L’emissione di titoli di debito per paesi alle prese con la crisi finanziaria comporta un grosso rischio. I tassi di interesse potrebbero salire e compromettere la tenuta del sistema economico che si vuol salvare.

Gli Eurobond permetterebbero di emettere debito a favore dei paesi in difficoltà, collegando economie forti e deboli allo stesso titolo. Questo meccanismo, agli occhi degli investitori, abbasserebbe il tasso di rischio e quindi di conseguenza quello di interesse.

I paesi del nord si sono schierati contro questa soluzione, allineandosi al pensiero della Germania.

La Merkel, titubante negli ultimi giorni, si era espressa con parole di vicinanza all’Italia, ma la posizione sugli Eurobond non è priva di conseguenze politiche per chi la difende.

Ciò che accade in Olanda o in Germania è politicamente chiaro: i rappresentanti politici rischiano grosso nel mettere le proprie economie in difficoltà aiutando i paesi meno virtuosi, perché di questo si tratta. Il Coronavirus ha messo in risalto le debolezze strutturali dei paesi che ha colpito.

Le debolezze messe in risalto da questo tsunami bio-economico manifestano una patologia molto chiara. Il Coronavirus sta alzando la temperatura su un’Europa unita solo nell’interesse, ma non nelle fondamenta.

Politiche fiscali ed economiche differenti, mancanza di una costituzione e di una politica estera coesa, rendono il sogno europeo sempre più lontano

 

Avatar
Lorenzo Dalvit

Educatore appassionato di Blockchain, esperto di vendite e marketing, social community manager, direttore artistico, musicista, amante dei paradigmi dirompenti e della vita. Le mie competenze riguardano l'interazione e la connessione umana

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.