banner
Telegram: l’emorragia delle chat crypto
Telegram: l’emorragia delle chat crypto
Criptovalute

Telegram: l’emorragia delle chat crypto

By Alfredo de Candia - 18 Apr 2020

Chevron down

Di recente è stata pubblicata una ricerca condotta dall’influencer Aztek BTC sui dati relativi alle varie chat Telegram delle diverse crypto e blockchain nel corso del tempo.

La perdita di utenti nel tempo è spaventosa:

Lo studio ha preso come punto di riferimento giugno 2018, quindi ampliamente dopo la bullrun del 2017, monitorando le varie chat in diversi periodi come novembre 2019 e aprile di quest’anno, mostrando come si sono evoluti i gruppi dedicati alle crypto.

I dati sono sconcertanti e mostrano come tutte le chat abbiano perso molti utenti, da quelle meno popolari come Trollbox e Decred, a quelle più numerose come Ripple, EOSProject, Litecoin e così via, raggiungendo picchi negativi anche del 75% negli ultimi 2 anni.

Tra i gruppi delle crypto più colpite troviamo Litecoin che è passata da oltre 32mila utenti ad appena 10mila utenti con una perdita del 67%, ma non può sorridere certo anche quella di EOSProject, che è passata da 55mila utenti a circa 23mila utenti con una perdita del 57%.

Il gruppo di Ripple, invece  aveva oltre 64mila utenti mentre adesso ne ha appena 23mila con una perdita del 64%, dato che fa riflettere forse anche sullo stato del progetto e delle difficoltà che ha trovato nel suo percorso a causa del prezzo gradualmente sceso fino a valere pochi centesimi.

Difficile vedere il bicchiere mezzo pieno in questa prospettiva, ma comunque quello che possiamo capire è che la fine della bullrun ha fatto allontanare quelle persone che erano interessate forse solo all’aspetto speculativo del settore e quindi non un reale interesse nel costruire qualcosa di solido e duraturo nel tempo grazie a crypto e blockchain.

Come ha ricordato ieri Roger Ver durante un evento, le crypto non sono solo mero trading.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.