Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Zcash: i casi d’uso nel mercato nero
Zcash: i casi d’uso nel mercato nero
Altcoin

Zcash: i casi d’uso nel mercato nero

By Alfredo de Candia - 7 Mag 2020

Chevron down

Ieri è stato pubblicato un report riguardo i casi d’uso di Zcash (ZEC) per scopi illeciti e criminali, commissionato proprio dalla Electric Coin Company, la fondazione dietro allo sviluppo della blockchain di Zcash.

Tra i casi d’uso vengono riportate anche le spese effettuate con Zcash nei mercati neri digitali, tra cui quello più famoso denominato Berlusconi Market.

 Il report, molto dettagliato nelle sue 65 pagine, racconta ed analizza i vari settori in cui le privacy coin sono utilizzate.

Al primo posto troviamo così il riciclaggio di denaro (34%), seguito dal pagamento di beni e servizi nel mercato nero (28%) ed al terzo posto il terrorismo (18%). 

Successivamente nel report vengono analizzati i vari dark market in base all’utilizzo: al primo posto troviamo Dream (75%), seguito dal Berlusconi market (9%) e poi Tochka (7%), dimostrazione che ci sono più mercati in cui i criminali possono vendere e comprare beni e servizi illegali, come armi, droghe ma anche attacchi informatici e così via. 

In generale, però, Zcash non è la crypto più usata per scopi illeciti: al primo posto troviamo infatti Bitcoin (BTC) e Bitcoin Cash (BCH) con il 59%, al secondo posto Monero (XMR) con il 27% ed al terzo posto Ethereum (ETH) con il 12%. 

Zcash viene invece usata solo dall’1% dei criminali. La volatilità di BTC è superiore a quella di ZEC ed è quindi comprensibile che a volte i criminali preferiscano avere un asset che nel tempo potrebbe aumentare esponenzialmente piuttosto che utilizzare una crypto meno diffusa, per poi doverla convertire tramite un exchange e quindi effettuare le procedure KYC (Know Your Customer) e AML (Anti Money Laundering). 

Infine possiamo concludere che non sempre una crypto rivolta alla privacy si dimostri quella più utilizzata nelle operazioni criminali: infatti, nei ransomware il riscatto viene spesso chiesto in BTC e non in Monero (XMR).

 

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.