DeFi: nuovi record per il settore
DeFi: nuovi record per il settore
Trading

DeFi: nuovi record per il settore

By Federico Izzi - 14 Lug 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Con Bitcoin che sembra sempre più addormentato, oscillando tra minimi e massimi degli ultimi 5 giorni compresi in 200 dollari, l’attenzione continua a spostarsi sui record del settore DeFi e sulle altcoin, che, al contrario di quanto accaduto negli ultimi giorni, oggi registrano una prevalenza di segni negativi. Oltre l’80% si trova sotto la parità. 

coin360 20200714
Fonte: COIN360.com

Sono importanti gli scossoni delle coin che negli ultimi giorni hanno invece registrato forti rialzi. Cardano (ADA) oggi scende del 6%, perdendo la 6° posizione, dove continua il testa a testa con Bitcoin SV (BSV) con una differenza di 150 milioni. 

Chainlink (LINK) perde l’11%, scendendo in 11° posizione. Anche Stellar (XLM) perde il 7% occupando la 14° posizione.

Nonostante questi forti movimenti al ribasso, i guadagni settimanali continuano a rimanere importanti. Queste tre big infatti registrano guadagni a doppia cifra. La migliore è Chainlink che segna +30%, Stellar +25% e Cardano +18%.

LINK 20200714

Chainlink, dopo essere salita sopra nuovi record storici assoluti a 7,50 dollari, ha visto un guadagno del 450% dai minimi di marzo. La metà di questo guadagno è stata realizzata a partire da giugno. Un balzo in alto che ha portato ora le quotazioni di LINK a prendere profitti che fanno arretrare il prezzo a testare la soglia psicologica dei 7 dollari. 

Tra le prime 100 quella che sta destando attenzione è Aurora (AOA), con un forte rialzo. Aurora è un progetto che attraverso nuovi sistemi di consenso ambisce a piazzarsi tra le blockchain che consentono una velocità di scambio in particolare adatta per i settori che richiedono pagamenti immediati come i giochi, i big data, la IoT. 

Il token viene scambiato su pochi exchange, in particolare gli exchange asiatici come Bithumb e KuCoin. Il token oggi registra un balzo in alto del 250%, facendo moltiplicare di 4 volte il valore di Aurora nell’ultimo mese. Aurora si porta a 0,015 dollari, per la prima volta. 

Segna un buon rialzo di giornata Loopring (LRC), +17%. Torna a farsi notare anche Elrond (ERD), +10%, continuando la scalata della classifica fino alla 53° posizione con 190 milioni di capitalizzazione.

Dalla parte opposta, forte discesa di Ampleforth (AMPL) che perde il 40%. Nella galassia Defi Nexo (NEXO) perde l’11%, seguita da Synthetix (SNX), Ren (REN), Kyber (KNC) e Aave (LEND), tutte in discesa tra il 7% e il 9%.

DeFiPulse 20200714

I record del settore DeFi

È proprio il settore DeFi che continua a fare notizia, toccando nelle ultime ore nuovi record TVL, andando a sfiorare 2,5 miliardi. 

Un rialzo che si conferma esponenziale, considerato che all’inizio di giugno il TVL registrava poco più di 1 miliardo di dollari bloccati.

Il settore DeFi registra una capitalizzazione totale di 7,6 miliardi. I Bitcoin tokenizzati su ERC20 registrano un nuovo massimo aggregato con oltre 140 milioni di dollari tokenizzati su rete Ethereum, che corrispondono a 15.280 BTC bloccati

Anche questo è un record, essendo il picco più alto di sempre con un controvalore di 240 milioni.

Compound (COMP), per la prima volta dopo il lancio delle quotazioni di un mese fa, scende sotto i 160 dollari, e questo comporta anche per COMP una perdita della dominance dell’intero valore bloccato sul protocollo, che scende per la prima volta sotto il 30%. 

Compound, insieme a Maker, detiene oltre il 60% dei token collateralizzati sulla DeFi. 

Il market cap del settore, con il passo indietro di oggi, si riporta a 270 miliardi di dollari. 

Bitcoin continua ad attestarsi sotto il 63% di dominance. L’ultima volta che BTC ha toccato questo valore era lo scorso giugno 2019, anche se lì il trend era dal basso verso l’alto. Per verificare una rottura inversa bisogna risalire ad aprile 2017. 

Ethereum e Ripple rimangono ai livelli degli ultimi giorni. ETH è a quota 9,8%, fallendo nuovamente il superamento del 10% della dominance, tentativo avvenuto già la scorsa settimana e a fine giugno. Ripple rimane al 3,3%. 

BTC 20200714
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin continua ad essere ingabbiato in un ristretto range, e questo fa scendere ulteriormente di una frazione decimale la volatilità giornaliera su base mensile, che va ad aggiornare il minimo dell’ultimo anno a 1,48 punti.

Nulla da osservare sotto l’aspetto tecnico rispetto all’aggiornamento di ieri: aumentano di poco le coperture a 8.950 dollari per le opzioni put da parte degli investitori professionisti. 

Bassi gli scambi su derivati e opzioni del CME, decisamente tonici invece quelli su Derebit, piattaforma leader del settore, che scambia l’80% del volume totale sul mercato delle opzioni. Al rialzo rimane la copertura delle resistenze tra 9.600 e 9.850 dollari.

ETH 20200714
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum resta abbastanza addormentato con oscillazioni frazionali che rimangono a ridosso dei massimi degli ultimi due mesi in area 240 e 245 dollari. 

Per Ethereum è necessario rompere la soglia dei massimi in area 250-255 dollari, testata più volte dall’inizio di giugno, ma senza successo. 

Area 240 e 250 dollari sono oltretutto i livelli di copertura da parte degli investitori professionisti in derivati, ti i due scogli più importanti da rompere per innescare la via del rialzo. 

Al ribasso oltre la soglia difesa oramai da settimane dei 215 dollari, aumentano le posizioni a copertura  dei 225-230 dollari. 215, 225 e 230 dollari sono i livelli da monitorare con attenzione in caso di ribassi nelle prossime ore e nei prossimi giorni. 

Mentre sul Bitcoin l’open interest sui derivati in opzioni  rimane sotto la media di giugno, l’OI in opzioni su Ethereum continua a crescere. Ieri ha sfiorato i massimi storici di fine giugno con circa 170 milioni di dollari sui contratti rimasti aperti overnight.

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.