banner
Criptovalute: un calcolatore per le tasse sui capital gain
Criptovalute: un calcolatore per le tasse sui capital gain
Criptovalute

Criptovalute: un calcolatore per le tasse sui capital gain

By Marco Cavicchioli - 15 Lug 2020

Chevron down

Esistono alcuni software da utilizzare come calcolatori delle tasse da pagare sui profitti generati con le criptovalute. 

Per prima cosa tuttavia bisogna sottolineare che ogni paese adotta una sua legislazione in materia, quindi prima di poterli utilizzare è necessario assicurarsi che siano compatibili con il regime fiscale del proprio Stato, e che siano aggiornati alle ultime eventuali novità in materia. 

Inoltre è importante ricordare che non bisogna mai, e per nessun motivo, comunicare il seed del proprio wallet, o le chiavi private dei propri indirizzi pubblici, a nessuno, nemmeno ad un software diverso da quelli noti ed ampiamente analizzati per gestire i propri wallet crypto. 

Infatti chiunque possieda quei seed, o quelle chiavi private, ha pieno accesso ai fondi conservati sui relativi indirizzi pubblici, e può quindi disporne a piacimento. 

Le tasse derivanti da redditi generati con le criptovalute vengono calcolate in base alle plusvalenze o alle perdite derivanti dalla vendita di asset digitali. Si procede in modo simile a come si calcolano le tasse sulle eventuali plusvalenze ottenute con compravendita di titoli azionari, o della vendita di una casa. 

Per poter effettuare correttamente il calcolo è necessario tenere traccia di tutte le operazioni di acquisto o vendita di criptovalute, a prescindere dalle modalità e dalle piattaforme utilizzate per effettuarle. 

Ovvero bisogna poter disporre della cronologia completa di tutte queste transazioni per tutti gli anni in cui si è operato, e per ogni acquisto o vendita bisogna poter disporre dell’importo della criptovaluta o del token acquistati, del loro tasso di cambio in valuta fiat al momento dell’acquisizione, della data di acquisizione, dell’importo della criptovaluta o del token successivamente venduti, del tasso di cambio in valuta fiat al momento della vendita, e della data di vendita. Questo per ogni operazione di acquisto o di vendita. 

Il calcolo parte dal rilevamento di utili o perdite derivanti dalla differenza dei tassi di cambio al momento dell’acquisto e della vendita, ed a questi applica le aliquote fiscali stabilite dalla legge del proprio Stato. 

Uno di questi strumenti è il Crypto Tax Software di tokentax.co, ma c’è anche il crypto tax calculator di coinpanda.io. 

Un altro è il Crypto tax reports di koinly.io, che promette il calcolo delle tasse in circa 20 minuti, e per più di 20 Paesi. 

Ci sono anche gli appositi siti bitcoin.tax e cryptotrader.tax, mentre probabilmente uno dei più completi, con tanto di videotutorial, è cointracking.info

Non esiste un unico software in grado di effettuare questi calcoli per tutti gli Stati del mondo, pertanto è spesso necessario esaminarne più di uno prima di trovare quello che possa fare al proprio caso. 

Inoltre, sebbene le normative fiscali in merito alle plusvalenze finanziarie non cambiano molto spesso, è sempre necessario anche assicurarsi che il software che si decide di utilizzare sia aggiornato alle eventuali ultime norme in materia. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.