banner
Xapo: transazione da 1 miliardo di dollari in bitcoin
Xapo: transazione da 1 miliardo di dollari in bitcoin
Bitcoin

Xapo: transazione da 1 miliardo di dollari in bitcoin

By Alfredo de Candia - 7 Ago 2020

Chevron down

Ieri è stata realizzata una transazione di Bitcoin davvero imponente: sono infatti stati mossi oltre 96mila BTC che appartengono al servizio di custodia di Xapo. La transazione è stata realizzata pagando appena 4 dollari di commissioni.

Questa è la seconda transazione di questa portata che Xapo ha effettuato negli ultimi tempi: ricordiamo infatti che la precedente ammontava ad oltre 100mila BTC.

L’importo è stato diviso in due transazioni: una da 92mila BTC e l’altra da 4mila BTC, simile a quanto effettuato con la precedente, per cui potremmo dedurre che il secondo indirizzo sia utilizzato come fondo di sicurezza o come fondo di copertura assicurativa in caso di furti o smarrimenti.

Altri dati interessanti che osserviamo sono quelli relativi alle fee: sono stati pagati solo 83 satoshi per byte quindi solo 4 dollari per quasi 1 miliardo. Ciò nonostante le fee sulla blockchain di Bitcoin siano salite molto nell’ultimo periodo. 

Ad ogni modo, il privacy score di Blockchair ci dice che il livello di anonimato per questa transazione è solo moderato, visto che è comunque tracciabile e riconducibile a Xapo.

Xapo, la transazione da $ 1 miliardo e il messaggio segreto

Se ci spostiamo all’indirizzo nella sua totalità, controllando anche le altre transazioni fatte e ricevute, possiamo vedere che appena un paio di giorni fa, Xapo ha effettuato centinaia di transazioni con lo stesso importo e le prime riportano un messaggio in codice:

  • 1Lets1xxxx1use1xxxxxxxxxxxy2EaMkJ
  • 1fuLL1xxxx1power1xxxxxxxxxxzatvCK
  • 1of1xxxxx1anonymity1xxxxxxxz9JzFN
  • 1See1xxxx1memo1xxxxxxxxxxxxxBuhPF
  • 1dot1xxxxx1sv1xxxxxxxxxxxxxwYqEEt
  • 1topic1xxx1hmwyda1xxxxxxxxxvo8wMn
  • 1xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxy1kmdGr

Quindi un messaggio del genere “let’s use full power of anonymity see memo dot sv topic xy(z)”, il che sembra chiamare in causa l’anonimato delle transazioni. Potrebbe anche far pensare ad un sito visto che l’espressione “dot” è il classico punto prima dell’estensione, e l’estensione potrebbe essere una .xyz.

Altra lettura può essere quella di “vedere” l’argomento “topic” “XYZ”, ovvero l’”affare XYZ”, un incidente diplomatico tra Francia e Stati Uniti che portò quasi ad una guerra.

Certo è che è difficile comprenderne il significato, ma sicuramente non sono parole messe a caso, infatti uno strumento di messaggistica simile l’abbiamo trovato anche nel recente attacco a Twitter, quando degli utenti hanno provato ad avvisare che quanto stava accadendo era uno scam.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.