Twitter Hack: il messaggio contro Bitcoin
Twitter Hack: il messaggio contro Bitcoin
Sicurezza

Twitter Hack: il messaggio contro Bitcoin

By Alfredo de Candia - 16 Lug 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Le ultime ore sono state incredibilmente movimentate ed abbiamo assistito al più grosso hack della storia di Twitter in quanto sono stati coinvolti diversi account dei più noti influencer non solo del mondo Bitcoin e crypto ma anche personaggi pubblici come Elon Musk e Bill Gates

Sicuramente questo tipo di attacco ha messo in luce una grossa vulnerabilità della piattaforma e come un sistema centralizzato che utilizza sistemi di terze parti non sia sicuro.

Infatti, è bastato un punto debole nella struttura per poter portare avanti l’attacco, indipendentemente dalle varie protezioni che erano state adottate. 

Come sappiamo, i tweet incriminati comunicavano le informazioni di una truffa classica e che più volte abbiamo analizzato: ricordiamo, per esempio, quella legata alla Ps5, in cui si invita la vittima a depositare Bitcoin (BTC) ad un indirizzo per ottenere il doppio di quanto mandato. 

Ovviamente tutto ciò è falso e non porta a nessun risultato, ma purtroppo gli indirizzi degli hacker hanno raccolto un totale di 12,8 BTC, oltre 118mila dollari. 

Se invece ci spostiamo sull’analisi delle transazioni in entrata possiamo vedere che un utente ne ha fatte diverse verso questo indirizzo utilizzando degli indirizzi BTC creati appositamente (parliamo dei vanity address) con delle parole molto precise:

“Just read all

transaction outputs as a text

You take risk when use Bitcoin

for Your Twitter game

Bitcoin is traceable

why not Monero”. 

twitter hack transazione

Il messaggio è molto chiaro e ricorda come, quando si utilizza bitcoin per fare le transazioni, queste sono pubbliche e mostrano i relativi saldi e le destinazioni dei fondi, cosa che comporta la possibilità di tracciare questi dati. 

L’autore di questo messaggio ha quindi voluto mettere in luce il cosiddetto problema della trasparenza e della mancanza di privacy delle transazioni, invitando ad usare Monero (XMR). 

I criminali che hanno perpetrato l’attacco hanno scelto bitcoin come forma di pagamento non perché è quella più sicura ed anonima, ma perché hanno preferito puntare sulla crypto più conosciuta e diffusa. 

Adesso la situazione sembra essere stata ripristinata, ma l’evento ha lasciato un sacco di domande, e sicuramente farà parlare di sé per molto altro tempo portando alla luce la necessità di avere una piattaforma decentralizzata, trustless e possibilmente basata su blockchain.

Questo concetto è stato rimarcato anche da Daniel Larimer, CTO di Block.one, in relazione all’arrivo del social media Voice.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.