banner
Il Giappone ha abbandonato le crypto durante la pandemia COVID-19
Il Giappone ha abbandonato le crypto durante la pandemia COVID-19
Criptovalute

Il Giappone ha abbandonato le crypto durante la pandemia COVID-19

By Giorgi Mikhelidze - 9 Ago 2020

Chevron down

È risaputo che qualsiasi discussione sulle crypto prima o poi porterà la conversazione in Giappone, nonostante il loro uso sia stato abbandonato durante il Covid-19. 

Il paese ha moltissimi investitori e utenti di criptovalute. Nel 2018 il Giappone era la terza economia più grande del mondo per quanto riguarda Bitcoin (BTC). 

Ciò significa che molte volte, quando Bitcoin viene scambiato, viene utilizzato anche lo Yen giapponese. 

In effetti, l’11% del volume globale di trading di BTC è fatto in yen. Questo è seguito molto da vicino dai won sudcoreani. Mentre il trading globale è dominato dal dollaro statunitense. 

Tenendo conto delle dimensioni e della popolazione di 127 milioni di persone in Giappone, l’11% del volume di trading globale è un risultato enorme. Inoltre, il 56,2% di Bitcoin è concentrato in Giappone secondo il sito web Forex Brokers List

Tuttavia, dopo la recente pandemia del coronavirus, sembra che qualcosa sia cambiato nelle menti degli investitori giapponesi. 

Un recente rapporto, che è stato aggiornato dall’organismo di autoregolamentazione giapponese Japan Virtual Currency Exchange Association, o JVCEA, sta dimostrando che il numero totale di trader attivi nel Paese è diminuito in modo significativo.

Questo evento si è verificato prima che l’effettivo stato di emergenza fosse dichiarato nel paese. La politica è stata attuata per arrestare il più possibile la diffusione del coronavirus. 

Di conseguenza, molti exchange crypto hanno registrato un’attività molto inferiore da parte degli utenti rispetto al normale. Ciò è generalmente causato dal picco dei depositi di valuta fiat.

Dato che le crypto non sono garantite da nessuna organizzazione governativa o istituzione finanziaria, la volatilità, così come la liquidità degli asset, è piuttosto elevata. 

Ciò significa che molte persone sono diffidenti di fronte all’instabilità del mercato. I timori di un calo del prezzo delle criptovalute hanno spinto la popolazione a investire in monete fiat che hanno un qualche tipo di protezione da parte del governo e quindi sono in grado di essere scambiate dalle principali banche anche se il prezzo di mercato scende.

Queste informazioni provengono dai dati raccolti nel marzo 2020 dalla JVCEA. Secondo loro, il numero di account crypto attivi precedentemente registrati nella regione è diminuito da 2.048.501 a 2.044.806 a marzo. Ciò significa che circa 3695 account non hanno scambiato alcun asset digitale. 

Come il Covid-19 ha cambiato l’uso delle crypto in Giappone

Yuya Hasegawa, un analista di mercato di BitBank, ha redatto un rapporto secondo il quale, anche se l’attività è diminuita, il numero di depositi fiat ha fatto il contrario e per questo motivo ha registrato un picco in Giappone. Ciò è dovuto principalmente all’atteso programma di stimolo che darà 100.000 yen giapponesi, ovvero circa 940 dollari, alle famiglie di tutto il Paese. 

Yuya Hasegawa ha anche aggiunto che questi depositi non sono rimasti a lungo sugli exchange. Ha dichiarato che il numero di depositi e il grado di incremento è marginalmente ridotto. 

Ciò significa che non ci sono dati sufficienti per concludere con certezza che una parte degli investitori giapponesi sta usando gli assegni di stimolo sugli exchange crypto.  Alcuni lo hanno fatto, la maggior parte no. Questo è molto diverso da quello che abbiamo visto negli Stati Uniti. 

La discriminante è dovuta dalla differente cultura generale della tra i due Paesi. 

Hasegawa ha specificato che in generale in Giappone le famiglie dedicano in media circa il 15% del loro reddito ai prodotti finanziari (questo non include l’assicurazione, la pensione e il sistema di garanzia standardizzato) e fino al 50% al risparmio, mentre negli Stati Uniti e nell’UE le famiglie destinano molto di più ai prodotti finanziari e molto meno al risparmio.

La Banca del Giappone ha rivelato a luglio, nella sua offerta di M3, che il volume dei depositi da parte di individui, società e governo locale ha fatto un salto del 5,9% a giugno, che ammonta a 13,5 trilioni di dollari. Da notare che lo stato di emergenza nazionale in Giappone è iniziato l’8 aprile. 

Yuya ritiene che una volta che il fenomeno Coronavirus ha colpito il mercato finanziario generale, ha creato una domanda di richieste di margini. Questo ha portato un certo numero di investitori a ritirare i loro depositi dagli exchange per accumulare liquidità nel caso in cui in futuro dovesse accadere qualcosa di brutto. 

Ciò significa che molti investitori si stavano preparando per un evento molto simile alla Grande Depressione, dove il tasso di disoccupazione sarebbe aumentato e il reddito sarebbe diminuito. Anche senza la pandemia, lo stato di emergenza è generalmente legato a questi vincoli, a causa del modo in cui il paese viene gestito con una politica di questo tipo.

Tuttavia, è anche vero che il rapporto della JVCEA fa sembrare le cose molto più negative di quanto non siano in realtà. Hasegawa ha rassicurato tutti nel rapporto che questa leggera diminuzione del numero di account attivi non significa in alcun modo che il popolo giapponese stia perdendo interesse per le criptovalute

Bitcoin (BTC) sta entusiasmando i trader rialzisti in questi tempi per il fatto che è salito a $12.000 abbastanza velocemente. 

È anche vero che alcuni account che avevano un’attività generalmente bassa hanno fatto trading giorno e notte producendo un volume di trading 2-3 volte superiore solo questa settimana.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.